Abi: sempre più “evoluto” il cliente delle banche, che dialoga via web, cellulare e social media

Abi Logo BuonoInteragisce con la propria banca via web almeno una volta alla settimana e in un caso su due entra in banca anche via cellulare, grazie al mobile banking. È iscritto a social network (87%), che utilizza per comunicare con la propria banca (25%). Moderno e più tecnologico, apprezza la comodità e la convenienza dei canali fai da te (internet, mobile banking e Atm) e per le scelte finanziarie più complesse preferisce la filiale o il promotore (89%), a cui si rivolge per informazioni e consulenza quasi due volte al mese. È questa la fotografia del cliente bancario più evoluto che emerge dall’indagine realizzata dall’Abi con GfK su un campione di clienti che navigano quasi tutti i giorni su internet e hanno un conto online. L’indagine sarà presentata alla prossima edizione del convegno Dimensione Cliente, che si terrà a Roma il 7 e l’8 aprile.

L’identikit del cliente più evoluto: pluribancarizzato, multicanale e dinamico

Secondo lo studio Abi-GfK, il 31% dei clienti più evoluti è “pluribancarizzato” ossia ha un conto corrente presso più banche. In media, questi clienti hanno nel proprio portafoglio 8 tipologie di prodotti diversi; il 45% ha un finanziamento in corso, mentre la metà investe in titoli o in altri prodotti finanziari. Per i propri investimenti, il cliente più evoluto non si accontenta di un unico canale di accesso, ma utilizza tutti quelli messi a disposizione dalla propria banca e si sposta da un canale all’altro a seconda della necessità e della situazione in cui deve operare (per esempio, quando è in mobilità). Si tratta di un cliente più dinamico, sempre alla ricerca delle soluzioni più adatte alle proprie esigenze: nell’ultimo anno, il 15% ha aperto un conto con una nuova banca.

Abi: sempre più “evoluto” il cliente delle banche, che dialoga via web, cellulare e social media ultima modifica: 2016-03-21T11:42:34+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA