Arena, DirCredito: “Il ‘vizietto’ Barclays, la storia si ripete”

Arena, Dircredito

Maurizio Arena, segretario del Dircredito

“Che sia una strategia ben definita e studiata nei minimi particolari? Dopo l’uscita dal mercato domestico, avvenuta negli anni ’80 e ’90, la storia si ripete, sempre uguale a se stessa e sempre a discapito dei lavoratori. Prima si acquisiscono sul mercato giovani bancari già professionalmente preparati, si aprono nuovi sportelli e, poi sfruttato il momento di business… si ritorna in patria”. Così Maurizio Arena, segretario generale del DirCredito, ha commentato la decisione di Barclays di ridimensionare ulteriormente il proprio personale. 

I numeri dicono che nel corso del 2013 ci sono state complessivamente 242 uscite e 39 assunzioni, di cui 6 a tempo determinato e che l’organico si è ridotto a 1.130 unità. La prospettiva per questo migliaio di colleghi, in un mercato ritenuto saturato, dove la cultura del top management è improntata al tutto e subito e i lavoratori considerati un costo e non una risorsa, è poco rassicurante. DirCredito con il coinvolgimento delle Organizzazioni sindacali a livello europeo di cui fa parte, è pronta a sostenere ogni iniziativa a salvaguardia dell’occupazione e del diritto al lavoro, valore imprescindibile per la tutela della dignità della persona”.

Arena, DirCredito: “Il ‘vizietto’ Barclays, la storia si ripete” ultima modifica: 2014-06-18T22:19:16+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA