Australia: solo 4 banche su 13 applicano riduzioni dei tassi proporzionate a quelle stabilite dalla banca centrale

Nonostante le grandi banche australiane insistano nel sostenere l’impossibilità di tradurre il recente taglio dei tassi stabilito dalla Reserve bank of Australia in una riduzione proporzionale dei costi per i loro mutuatari, uno studio appena pubblicato dalla Ernst & Young mostra che quella di limare le spese collegate ai mutui è una strada obbligata per gli istituti che intendono conservare i propri clienti.

Dopo la riduzione di 25 punti base del tasso di sconto deciso dalla Rba, solo 4 della 13 big banks australiane hanno abbassato proporzionalmente i propri tassi, giustificando il mancato adeguamento con le spese collegate alla gestione dei mutui.

Una mossa che non è stata affatto apprezzata dai loro clienti, che, come sottolinea l’analisi della Ernst & Young, nel 66 per cento dei casi si sono dichiarati convinti che cercando altrove sia possibile trovare condizioni migliori di quelle loro applicate in questo momento.

Confrontando, ad esempio, il taglio deciso da Ing Direct, che ha applicato integralmente la riduzione di 25 punti base, con quello di un istituto come la St George Bank, che li ha invece limati di soli 17 punti, gli esperti di Ernst & Young hanno scoperto che, a parità di mutuo, i clienti della prima risparmarmieranno 47,89 dollari al mese, mentre quelli della seconda solo 33,94.

In questo contesto secondo Ernst & Young il passaggio di clienti dagli istituti “meno generosi” a quelli più attenti alle esigenze economiche della clientela sarà nel lungo periodo inevitabile.

A sostegno della sua analisi la società ha anche citato una ricerca condotta dalla Quantum Market Research da cui è emerso che il 65 per cento del campione intervistato ritiene giusto che un istituto di credito premi con costi minori i clienti fedeli.

Australia: solo 4 banche su 13 applicano riduzioni dei tassi proporzionate a quelle stabilite dalla banca centrale ultima modifica: 2012-10-10T10:42:44+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA