Banche, da Adusbef e Federconsumatori l’elenco completo dei “regali” concessi agli istituti

Adusbef LogoIn occasione della riconferma ottenuta da Antonio Patuelli alla presidenza dell’Abi, Adusbef e Federconsumatori sono tornate ad attaccare le banche, fornendo un dettagliato elenco di quelli che hanno definito “regali” fatti agli istituti di credito.

”Il presidente Patuelli, galvanizzato dalla riconferma ottenuta oggi a scatola chiusa, sfidando la verità dei fatti ha subito dichiarato: ‘falso che le banche italiane abbiano ottenuto regali. È una falsa impressione vogliamo solo avere regole identiche a quelle degli altri Paesi’”, hanno sottolineato le due associazioni.

L’elenco degli “omaggi” parte dalla rivalutazione delle quote Bankitalia, una “gentile erogazione” da 7,5 miliardi.

Seguono il prezzo da pagare per un conto corrente, il più alto del Vecchio Continente (in media 348 euro, contro i 114 della media europea) e i tassi sui mutui, che secondo gli ultimi dati della Bce in Italia sono pari a 4,67%, contro il 3,31 % della media Ue. Così su ogni mutuo trentennale di 100.000 euro un consumatore italiano paga una rata mensile più elevata di 78 euro, 936 euro l’anno, subendo uno scippo di 28.000 euro a fine ammortamento.

Ancora, c’è la garanzia della Cassa depositi e prestiti sui finanziamenti a pmi e famiglie per i mutui, inserita nella legge di Stabilità per pubblicizzare rischi e perdite, privatizzando gli utili. La Cdp, potrà poi acquistare titoli dalle banche ”nell’ambito di operazioni di cartolarizzazione aventi ad oggetto il credito verso piccole e medie imprese”. Ci sono inoltre le privatizzazioni con dividendo straordinario della Cassa depositi e prestiti, a cui partecipano le banche tramite le loro fondazioni, per la dismissione Sace; lo sconto fiscale sulle perdite, valutato da Mediobanca 19,8 miliardi di euro per quanto riguarda le sofferenze; e sui derivati in ultimo, la garanzia statale sui derivati legati a Bot e Btp, dopo che il SalvaItalia del governo Monti (novembre 2011) aveva offerto garanzia di 7 anni per 848 miliardi di obbligazioni ibride.

Infine ci sono l’obbligo di apertura di un conto corrente per i pensionati a 1.000 euro al mese, il salvataggio del Monte dei Paschi (con 4,070 miliardi di euro erogati) e la creazione della cosiddetta “bad-bank”, operazione ancora in corso per offrire la garanzia statale (Cdp) su 300 miliardi di sofferenze-incagli, dei crediti “agli Zalesky, Zunino, Ligresti di turno”.

Banche, da Adusbef e Federconsumatori l’elenco completo dei “regali” concessi agli istituti ultima modifica: 2014-02-20T10:52:25+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA