Barclays rilancia un prodotto buy to let con LTV al 75%. Ora disponibile anche attraverso i consulenti creditizi

Il 26 gennaio Barclays ha deciso di rilanciare il proprio prodotto buy-to-let, con LTV al 75%, che è ora disponibile anche attraverso i consulenti creditizi; oltre a questo, la banca londinese propone un nuovo mutuo decennale a tasso fisso che completerà l’offerta dei mutui residenziali.

 

SimplyBiz aveva già riportato la notizia la settimana precedente quando l’istituto aveva deciso di prolungare l’offerta del prodotto attraverso le proprie filiali: un’offerta ai clienti che ora sarà disponibile anche tramite la rete dei mediatori.

Nello specifico, Barclays propone un mutuo di due anni a tasso fisso con LTV al 75% e un tasso del 5,29%, e un mutuo tracker di due anni con tasso base del +3,99%.

La banca, ascoltando sia le filiali sia la rete, ha annunciato una nuova politica in merito al pagamento delle fee, che sarà infatti graduale e in base all’importo del mutuo:

  • Per finanziamenti tra 50 mila e 125 mila sterline la fee corrisponde a 1.999 sterline;
  • Per finanziamenti tra 125 mila e 250 mila sterline la fee corrisponde a 2.999 sterline;
  • Per finanziamenti superiori a 250 mila sterline la fee corrisponde a 3.999 sterline.

Viene anche offerto un prodotto decennale con LTV al 70%, tasso fisso al 4,99% e un mutuo di tre anni con LTV al 90% e tasso fisso del 5,99%.

Andy Gray, head of mortgages di Barclays, ha dichiarato: “Abbiamo capito l’importanza di essere competitive, sul mercato dei mutui residenziali, con prodotti a medio-lungo termine e deciso di sostenere i bisogni dei consumatori preoccupati dai rapidi cambiamenti economici che stanno condizionando l’intero comparto”.

Barclays si è detta anche attenta a intervenire nel range prodotti che riguarda i mutui a tasso variabile, così da intercettare le esigenze dei consumatori in una fase estremamente volatile del mercato, soprattutto all’interno dell’Eurozona.

Barclays rilancia un prodotto buy to let con LTV al 75%. Ora disponibile anche attraverso i consulenti creditizi ultima modifica: 2012-01-27T16:25:35+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA