Bce, in pubblica consultazione linee guida per banche su come far fronte ai crediti deteriorati

Credito 2La Banca centrale europea ha avviato una consultazione pubblica concernente le linee guida per le banche su come far fronte ai crediti deteriorati (non-performing loans, Npl). Il documento è disponibile nel sito Internet della Bce dedicato alla vigilanza bancaria. Gli interessati possono presentare commenti fino al 15 novembre 2016.

Le linee guida sugli Npl, si legge in una nota, vertono sui principali aspetti riguardanti la strategia, la governance e le operazioni, i quali rivestono importanza cruciale per la risoluzione degli Npl. Il documento fornisce raccomandazioni alle banche e illustra una serie di migliori prassi che la Vigilanza bancaria della Bce ha individuato e che costituiranno le aspettative di vigilanza della Bce per il futuro. Le linee guida raccomandano alle banche che presentano un livello elevato di Npl di stabilire una chiara strategia allineata al rispettivo sistema di gestione dei rischi e piano industriale, al fine di gestire efficacemente e quindi ridurre le consistenze di Npl in modo credibile, attuabile e tempestivo. La strategia delle banche dovrebbe contemplare anche la definizione di obiettivi quantitativi per portafoglio e di un piano di attuazione dettagliato. Le linee guida esortano le banche a predisporre le adeguate strutture operative e di governance per un efficace recupero degli Npl. Questi interventi dovrebbero essere realizzati coinvolgendo strettamente il management delle banche, creando unità di risoluzione degli Npl specializzate e formulando politiche chiare connesse al recupero degli Npl. Le linee guida presentano opzioni di breve e di lungo termine relative a misure attuabili di concessione (forbearance) finalizzate a far rientrare le esposizioni a una situazione di rimborso sostenibile. Indicano alle banche come definire le politiche di accantonamento e cancellazione degli Npl in linea con le raccomandazioni a livello internazionale. Inoltre, tracciano le politiche, 2 le procedure e i flussi informativi che le banche dovrebbero adottare per la valutazione delle garanzie immobiliari sugli Npl. Per l’autorità di vigilanza le linee guida costituiranno la base per valutare, nell’ambito del regolare dialogo di vigilanza, la gestione degli Npl da parte delle banche. Fronteggiare l’elevato livello di Npl in alcune banche e in alcuni paesi dell’area dell’euro è un processo iniziato con la valutazione approfondita del 2014. Questo esercizio ha rappresentato la prima valutazione degli attivi bancari secondo gli stessi parametri e ha avuto come esito un livello più adeguato di accantonamenti, fornendo alle autorità di vigilanza una solida base per trattare più a fondo tale problematica. Le linee guida fanno seguito a questo processo di riduzione del livello degli Npl, riconoscendo che occorrerà del tempo finché gli Npl avranno raggiunto livelli ragionevoli, ma spostando anche gradualmente l’enfasi sulla tempestività degli accantonamenti e delle cancellazioni.

La Bce, congiuntamente a otto autorità nazionali di vigilanza, ha condotto anche una rassegna delle prassi di vigilanza e dei regimi giuridici nazionali in materia di Npl. Mentre alcuni paesi hanno assunto in maniera proattiva e coordinata misure prudenziali, giudiziarie e di altro tipo per affrontare il problema, altri sono riusciti ad affinare ulteriormente il quadro giuridico e giudiziario per promuovere meglio il tempestivo recupero degli Npl. La consultazione sulle linee guida inizia oggi e si concluderà il 15 novembre. La documentazione pertinente, che comprende le linee guida per le banche, una presentazione sulle linee guida e la rassegna sugli Npl, è disponibile nel sito Internet della Bce sulla vigilanza bancaria. Per quanto riguarda l’attuazione, ci si attende che le banche applichino le linee guida in maniera proporzionata e con l’opportuna urgenza, coerentemente con la portata e la gravità delle sfide da affrontare. Le linee guida saranno ultimate dopo il processo di consultazione e la versione definitiva del documento sarà pubblicata nei mesi successivi. Nell’ambito della consultazione, il 7 novembre 2016 alle ore 15.00 (ora dell’Europa centrale) la Bce terrà un’audizione pubblica presso la sua sede a Francoforte sul Meno. L’audizione sarà trasmessa in Internet, sul sito della Bce dedicato alla vigilanza bancaria. Informazioni riguardo alla registrazione per l’audizione e alle modalità di presentazione dei commenti sono reperibili nel sito. Una volta chiusa la consultazione la Bce pubblicherà i commenti pervenuti, corredati di una valutazione e delle relative risposte.

Bce, in pubblica consultazione linee guida per banche su come far fronte ai crediti deteriorati ultima modifica: 2016-09-13T12:47:08+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA