Bce, tassi invariati

BceAl termine dell’odierna riunione il consiglio direttivo della Banca centrale europea ha deciso di lasciare invariati i tassi. Il tasso principale di rifinanziamento, quello sulle operazioni di rifinanziamento marginale e quello sui depositi presso la banca centrale restano, rispettivamente, allo 0,05%, allo 0,30% e a meno 0,20%.

Nel corso di una conferenza a Malta, dove si è tenuto il direttorio, il governatore della Bce Mario Draghi ha sottolineato che l’istituto resta “pronta a ad agire e a usare tutti gli stumenti” nell’ambito del proprio mandato, se necessario per riportare l’inflazione all’obiettivo “sotto ma vicino al 2%” nel medio termine.

Il banchiere ha spiegato che il Qe ha un “efficiente livello di flessibilità”, che permette eventualmente di operare variazioni. La strategia, ha specificato, non è di “aspettare e vedere” cosa accade, come in passato, ma di “lavorare e valutare”, tanto che un comitato di esperti è al lavoro per studiare i possibili interventi dell’ultimo board dell’anno.

Al momento l’Istituto di Francoforte “non ha ancora fatto alcuna scelta specifica” su come rilanciare il Qe, ma “è pronto ad agire se necessario” e “aperto a tutti gli strumenti di politica monetaria”.

 

Bce, tassi invariati ultima modifica: 2015-10-22T19:10:28+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA