Canada, exploit di vendite immobiliari nella ragione di Vancouver: +6% nel 2011

Nonostante le difficoltà del mercato immobiliare, la regione canadese di Vancouver ha chiuso il 2011 totalizzando un aumento delle vendite di case unifamiliari e degli appartamenti: +6% rispetto alla fine del 2010.

Il dato è sicuramente positivo ma nel paragone con il 2009 il calo è pari al -9%, come peraltro riportato dal puntuale Real Estate Board of Greater Vancouver (REBGV), l’associazione che comprende oltre 10 mila immobiliaristi nella regione.

Nella survey rilasciata lo scorso 4 gennaio, il Board ha registrato un totale di 32.390 proprietà oggetto di compravendite nel 2011: un aumento del +5,9% rispetto alle 30.595 transazioni realizzate nel 2010. Il dato del 2009, però, indica 35.669 vendite (+9,2% rispetto al 2011).

“Il mercato del real estate nella regione di Vancouver è stato in linea con gli anni passati – ha dichiarato Rosario Setticasi, presidente di REBGV – anche se il totale vendite ha risentito delle difficoltà economiche globali”.

Il numero degli immobili residenziali messi in vendita è aumentato del 2,7% nel corso del 2011, ma la percentuale è ancor più significativa (+12,8) se il confronto lo si fa tra il 2011 e 2009, anno in cui le proprietà in vendita furono 52.869.

“Come dicevo il real estate in Canada ha mantenuto un certo equilibrio nel 2011 – ha concluso Setticasi – anche se un aumento della domanda di case unifamiliari ha contribuito a un generale aumento dei prezzi, soprattutto nella ragione di Vancouver”.

 

Canada, exploit di vendite immobiliari nella ragione di Vancouver: +6% nel 2011 ultima modifica: 2012-01-06T09:43:43+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA