Carosio illustra alla Camera l’andamento degli strumenti finanziari

Carosio ha affermato che “un sistema bancario solido e diversificato, in grado di adattare la propria offerta alle esigenze di imprese e famiglie è un punto di forza del nostro sistema economico”. Ma ha aggiunto che “non è sufficiente per accompagnare l’economia italiana su un sentiero di crescita stabilmente più elevato di quello degli anni passati”. Di qui la necessità di “continuare a operare per l’ampliamento e l’irrobustimento del mercato dei capitali”.

La dimensione contenuta del mercato dei capitali nel nostro paese “è un problema di lunga durata – ha aggiunto – non risolto dalle profonde trasformazioni che hanno interessato il sistema finanziario nell’arco degli ultimi due decenni. Esso ha ripercussioni negative sulle imprese, sulle famiglie e sullo sviluppo stesso del sistema finanziario”.
Riguardo alle imprese, la presenza di più canali di finanziamento favorisce il conseguimento di strutture finanziarie più equilibrate nella composizione di capitale di debito e capitale di rischio. Per le famiglie, la presenza di una pluralità di strumenti finanziari consente di investire in modo più efficiente la propria ricchezza. Per il sistema finanziario, lo sviluppo limitato del mercato dei capitali si accompagna al peso altrettanto limitato degli investitori istituzionali.

Carosio ha riconosciuto che molto è stato fatto per rimuovere o attenuare gli ostacoli che si frappongono a un più ampio accesso delle imprese al mercato dei capitali e alla crescita dei servizi di gestione del risparmio. “Nella valutazione dei risultati occorre tenere conto dei tempi necessari affinché le misure producano risultati e delle circostanze sfavorevoli determinate dalla crisi economica – ha concluso -. Occorre proseguire nell’impegno, individuare le priorità, e sottoporre gli interventi pubblici a un esame stringente della loro efficacia”.

Leggi l’intervento.

Carosio illustra alla Camera l’andamento degli strumenti finanziari ultima modifica: 2011-05-11T07:54:27+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA