Cassa depositi e prestiti: pronti nuovi fondi per i ritardi di pagamento della PA

La Cassa depositi e prestiti ha deciso di mettere a disposizione dell’industria bancaria specifici fondi per compiere operazioni di sconto pro soluto dei crediti che le imprese vantano nei confronti della pubblica amministrazione. Un’iniziativa che consentirà di aumentare la liquidità a favore delle imprese in un momento di difficoltà  economica, acuita dal grave problema dei ritardati pagamenti della PA.

 

Questo canale di finanziamento potrà rivelarsi decisivo per molte imprese di costruzioni, alle prese con gli effetti del patto di stabilità.

Giuseppe Mussari, presidente dell’Abi, ha sottolineato: “Il rinnovo del plafond per il finanziamento delle piccole e medie imprese deciso dalla Cassa, è un’ottima notizia. I fondi del precedente plafond sono tutti andati sul territorio, raggiungendo lo scopo di sostenere le PMI. Nei prossimi giorni con la Cassa definiremo le modalità più efficaci per l’impiego di queste nuove risorse.

Paolo Buzzetti, presidente dell’Ance, ha aggiunto: “Questa decisione rappresenta un primo passo per offrire soluzioni concrete al gravissimo problema dei ritardati pagamenti. La quasi totalità delle imprese che ha eseguito e completato da mesi lavori a favore delle pubbliche amministrazioni di tutta Italia sta ancora aspettando di essere pagata, a causa degli effetti del patto di stabilità interno che, così concepito, penalizza anche gli enti virtuosi. In questo modo, si stanno mettendo a repentaglio migliaia di posti di lavoro e l’esistenza stessa delle aziende”.

Cassa depositi e prestiti: pronti nuovi fondi per i ritardi di pagamento della PA ultima modifica: 2011-10-27T08:03:46+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA