Cassazione, giusto licenziare il direttore di banca che non rispetta il regolamento interno sull’erogazione del credito

Rappresenta giusta causa di licenziamento il mancato rispetto delle disposizioni interne alla banca sulla concessione del credito. Anche se a farlo è il direttore della filiale. A stabilirlo è stata la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 6845 del 22 marzo.

È stato così accolta la sentenza del giudice d’appello che aveva stabilito la legittimità della risoluzione del rapporto di lavoro da parte dell’istituto di credito. La Corte d’appello aveva infatti riscontrato nei dati della ispezione interna disposta dalla banca, “una serie di violazioni delle disposizioni regolamentari interne quanto alla erogazione del credito oltre i limiti consentiti”. In pratica il direttore in questione “prestò un atteggiamento non già di vigilanza e controllo, ma addirittura di collaborazione, omettendo quanto alle pratiche di prestito di acquisire tutta le documentazione richiesta ai fini istruttori, erogando in definitiva il prestito ad enti risultati inesistenti presso le sedi indicate (e quindi sostanzialmente riconducibili a nominativi di comodo) e consentendo poi al [… ] di accreditare i relativi importi su conti correnti facenti capo ai suoi interessi (operazioni solo successivamente ripianate)”.

Il direttore ha così messo in atto un comportamento potenzialmente lesivo dell’immagine della banca e dell’essenziale affidamento che quest’ultima ripone nella lealtà e correttezza dei propri dipendenti (cfr. Cass., sez. lav., 27 maggio 1998, n. 5258). Per la Cassazione bene ha ritenuto la Corte d’appello: “l’operato del ricorrente si è svolto in evidente difformità alle disposizioni e direttive della società datrice di lavoro, sì da esporre la stessa a rischi nello svolgimento della sua attività creditizia, con evidente compromissione del vincolo fiduciario instaurato tra le parti e legittimità della risoluzione del rapporto di lavoro”.

Cassazione, giusto licenziare il direttore di banca che non rispetta il regolamento interno sull’erogazione del credito ultima modifica: 2010-04-01T07:49:35+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA