Catricalà, Oam: “Su incompatibilità tra attività di intermediazione creditizia e assicurativa nessun ripensamento. Abbiamo ribadito quanto indicato nella comunicazione interpretativa dell’ottobre 2015”

Oam QuadratoNessun ripensamento né revisione della posizione assunta dall’Oam nell’ottobre 2015 sul tema delle incompatibilità tra agenti in attività finanziaria e mediatori creditizi e agenti di assicurazioni e di mediazione di assicurazione e riassicurazione.

È quanto chiarisce, in una nota, il presidente dell’Oam Antonio Catricalà. “La lettera inviata all’Aiba il 10 febbraio scorso – sottolinea Catricalà – si limita a ribadire quanto già espresso dall’Organismo nella comunicazione interpretativa di ottobre 2015, dove era chiaramente spiegato che la comunicazione stessa interessava ‘il mercato del credito’ e riguardava le incompatibilità al solo caso di esercizio contestuale delle diverse attività di intermediazione creditizia ed assicurativa. A mero titolo di cortesia istituzionale l’Oam ha ritenuto di rispondere alle preoccupazioni, a nostro parere infondate, dell’Aiba sul tema. Del resto le fattispecie esemplificate alle pagine 3 e 4 della comunicazione, così come quelle agevolmente riportate nella tabella allegata, chiarivano che le incompatibilità sussistono nel solo caso di esercizio contestuale delle diverse attività di intermediazione creditizia ed assicurativa. Era sin dall’inizio evidente che la Comunicazione non fornisse indicazioni contrarie al fatto che il divieto di collaborazione non è esteso a quei casi in cui l’attività degli iscritti nelle Sezioni A, B, D ed E del Rui, diversa da quella dell’intermediazione creditizia, sia limitata al settore assicurativo, a prescindere dal fatto che si collabori con un broker o con un agente assicurativo. Concludo che l’Organismo avrebbe anche cambiato la sua posizione se fosse stata errata ma così non è stato”.

Catricalà, Oam: “Su incompatibilità tra attività di intermediazione creditizia e assicurativa nessun ripensamento. Abbiamo ribadito quanto indicato nella comunicazione interpretativa dell’ottobre 2015” ultima modifica: 2016-03-09T18:08:26+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA