Confidi, Toscana: i consorzi ritardano nel restituire alla camera di Commercio di Pisa le somme non erogate

Credito 2Il quotidiano Il Tirreno ha rivelato che la Camera di commercio di Pisa, che ogni anno mette a disposizione con bando pubblico 800.000 euro per le imprese, “ha avviato un accertamento con ispezioni a campione (10-15 per cento) sulle pratiche dei cinque confidi e i rispettivi associati spulciando anche la contabilità legata al flusso di liquidità”.

Nella relazione presentata all’ente camerale il segretario generale Cristina Martelli ha escluso violazioni di carattere penale, “evidenziando, però, carenze nella gestione formale delle procedure (completezza delle rendicontazioni, annulli sulle fatture rendicontate, comunicazioni alle imprese del contributo concesso, evidenze circa la certificazione delle ritenute Irpef). Di questo si chiederanno chiarimenti e comunque il rispetto puntuale dei disciplinari e delle convenzioni”.

Il Tirreno riporta nel dettaglio l’esito dei controlli:

Commerfidi (Confcommercio). “I singoli importi erogati risultano inferiori di circa il 10% rispetto al concesso, come già emerso nelle verifiche a campione – si legge nella relazione della Camera di commercio -. Si ipotizza per liquidazione in compensazione con le spese inerenti la pratica. Di ciò non abbiamo potere di acquisire le relative fatture, ma saranno richiesti comunque chiarimenti”. L’ente camerale ha appurato che molti bonifici hanno data 2014 o 2015 (compreso quello mancante in sede di controllo ispettivo), come già evidenziava il debito esposto nel bilancio 2013 di Commerfidi. Sono state in parte già restituite le risorse non trasferite che risultano dichiarate come segue: 2009, 10.013 euro; per il 2010, 3.070 euro; per il 2011, 19.611 euro; per il 2012, 13.861 euro. Il tutto su un totale di 1.009.726 euro per 623 posizioni.

Italia Confidi (Confesercenti). “Si evidenziano nei 4 anni: 2 posizioni per le quali gli assegni non sono stati ritirati dal beneficiario, 6 imprese cessate, 2 posizioni per le quali il contributo è da rideterminare perché la rendicontazione è parziale, per un totale massimo , in caso di tutti esiti negativi, di 18.782 euro su un totale di 592.000 euro e 361 posizioni”.

Agrofidi.Gli importi divergono da quelli determinati dalla Camera per importi che si aggirano nell’ordine del 20%. Si ipotizza liquidazione in compensazione con spese di gestione pratica. Di ciò non abbiamo potere di acquisire le relative fatture, ma saranno richiesti comunque chiarimenti”. Il liquidato del periodo è di 91.182 euro per 45 beneficiari. Act (Artigiancredito). Trasmesse le contabili di addebito bancario complessive con riepilogo delle disposizioni di pagamento. Gli importi sono erogati al netto della ritenuta del 4%. Nel periodo 2009-2012 sussiste una differenza da restituire per un’erogazione parziale di 311,76 euro su 247 posizioni.

Confidi Imprese toscana (Industriali). Il Confidi aveva già restituito nelle trascorse annualità quanto non erogato.

Confidi, Toscana: i consorzi ritardano nel restituire alla camera di Commercio di Pisa le somme non erogate ultima modifica: 2015-07-19T13:10:10+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA