Consulta interassociativa nazionale dell’’intermediazione: “Avviare un confronto con il governo per far ripartire il mercato”

Nelle prime pagine dell’agenda la necessità di avviare un confronto con il governo, al fine di elaborare provvedimenti urgenti volti a far ripartire il mercato immobiliare, e di istituire una rappresentanza dell’intera filiera del real estate per tutelare le istanze di un comparto che oggi incide sul Pil per una quota pari al 20%.

Nella riunione è stato inoltre posto l’accento sulla necessità di riformare la legge 39/89 per rendere più attinente l’attività di agente immobiliare alle mutate esigenze di un mercato in continuo cambiamento. Tra queste la legge 57 del 2001 e il praticantato, che opportunamente adeguato alla recente normativa del lavoro, può diventare uno strumento importante per intraprendere l’attività di agente immobiliare.

La volontà espressa dalle tre associazioni Fimaa, Anama e Fiaip, per mezzo dei rispettivi presidenti nazionali Valerio Angeletti, Paolo Bellini e Paolo Righi, è quella di rappresentare, unitariamente, le istanze di una categoria che sta subendo pesantemente i contraccolpi della crisi.

“L’unità di intenti espressa nella riunione di oggi
– ha dichiarato Paolo Righi, al termine della riunione – conferma in pieno la consapevolezza della tre associazioni, che solo mediante una rappresentanza unitaria si possano ottenere risultati per una categoria che, nel suo complesso, coinvolge 300.000 addetti”.

Leggi il comunicato della Consulta

Consulta interassociativa nazionale dell’’intermediazione: “Avviare un confronto con il governo per far ripartire il mercato” ultima modifica: 2012-09-21T07:33:44+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA