Credito, Banca d’Italia: a maggio prestiti a famiglie e imprese su dello 0,8%. Ma aumentano anche le sofferenze

Banca d'Italia Logo 2Torna a crescere a maggio il credito ai privati. I prestiti alle aziende hanno fatto registrare un aumento sui 12 mesi dello 0,3% dopo i cali di aprile e a marzo. I prestiti alle famiglie, invece, hanno continuato ad accelerare: il tasso di crescita sui dodici mesi è stato dell’1,5% (contro l’1,2% di aprile), dato che conferma l’inversione di rotta per il dodicesimo mese consecutivo. Lo rileva la Banca d’Italia nel supplemento al bollettino statistico “Moneta e banche”.

Parallelamente al credito sono aumentati i valori dei prestiti in sofferenza, che hanno toccato quota 199,99 miliardi di euro (erano 198,3 miliardi ad aprile), avvicinandosi al record di gennaio di 202 miliardi, con un tasso di crescita sui 12 mesi del 3,2% (era il 3,5% ad aprile). Le sofferenze nette sono ammontate a 84,94 miliardi (83,9 miliardi a fine aprile).

In contrazione i tassi d’interesse sui prestiti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie, che sono stati pari al 2,61% (2,66 nel mese precedente), mentre quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo si sono attestati all’8,32% (8,35 nel mese precedente). Analogo andamento per i tassi d’sui nuovi prestiti alle società non finanziarie di importo fino a 1 milione di euro, risultati pari al 2,53% (2,57 nel mese precedente), mentre quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia all’1,22% (1,46% ad aprile). I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,46% (0,47% a aprile).

per quanto riguarda i depositi, quelli del settore privato hanno registrato un’espansione del 3,2% (5,4% in aprile), con una raccolta obbligazionaria che è diminuita del 14,8% su base annua (-15% nel mese precedente).

Consulta l’analisi della Banca d’Italia

Credito, Banca d’Italia: a maggio prestiti a famiglie e imprese su dello 0,8%. Ma aumentano anche le sofferenze ultima modifica: 2016-07-12T13:10:38+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA