Credito, Crif: a gennaio domande di prestiti in aumento dell’11,7%

Crif LogoA gennaio le domande di prestito presentate dalla famiglie italiane sono aumentate dell’11,7% su base annua. Lo rileva l’ultima edizione del Barometro di Crif.

L’analisi mostra come, al netto del dato negativo registrato lo scorso mese di dicembre continua il progressivo recupero verso i volumi pre-crisi anche se rimane ancora da colmare il gap con il biennio 2009-2010.

DOMANDA DI PRESTITI (numero di richieste a gennaio 2016 – a parità di giorni lavorativi)

DOMANDA DI PRESTITI (numero di richieste) Var. % gennaio 2016 su gennaio 2015 Var. % gennaio 2016 su gennaio 2014 Var. % gennaio 2016 su gennaio 2013 Var. % gennaio 2016 su gennaio 2012 Var. % gennaio 2016 su gennaio 2011 Var. % gennaio 2016 su gennaio 2010 Var. % gennaio 2016 su gennaio 2009
Gennaio +11,7% +18,8% +11,2% +17,1% -0,3% -2,2% -5,0%

Fonte: EURISC – Il Sistema CRIF di Informazioni Creditizie

Approfondendo il livello di analisi, il Barometro Crif disaggrega l’andamento della domanda tra la componente dei prestiti finalizzati e quella dei prestiti personali (sempre considerando i dati ponderati sui giorni lavorativi). Il grafico seguente evidenzia come il risultato positivo di gennaio sia sostanzialmente ascrivibile alla performance dei prestiti finalizzati.

Nello specifico, nel primo mese dell’anno i prestiti finalizzati, trainati da quelli richiesti per sostenere l’acquisto di auto e moto, hanno fatto segnare un aumento del +20,4% rispetto al corrispondente mese del 2015. Più contenuto, invece, l’incremento della domanda di prestiti personali (+0,5%), che torna comunque positiva dopo oltre 6 mesi di costanti flessioni.

L’IMPORTO MEDIO DEI PRESTITI RICHIESTI E LA DISTRIBUZIONE PER FASCE D’IMPORTO

Dalle ultime rilevazioni presentate nel Barometro CRIF emerge un ulteriore dato positivo: a gennaio 2016, nel complesso dei prestiti personali più finalizzati, l’importo medio richiesto è stato pari a 8.158 euro, in crescita del +13,5% rispetto a quello registrato nello stesso mese del 2015 ma ancora lontano dai valori registrati negli anni pre-crisi (-11,6% rispetto al 2008).

Entrando maggiormente nel dettaglio, per i prestiti finalizzati l’importo medio è stato pari a 5.446 Euro, +13,5% rispetto a quello registrato a gennaio 2015, mentre per i prestiti personali si è assestato a 10.715 Euro (+4,7% rispetto al valore rilevato nello stesso periodo dello scorso anno).

Analizzando invece la distribuzione per fasce di importo, nell’aggregato di prestiti finalizzati e personali a gennaio 2016 si conferma la preferenza da parte degli italiani per la classe inferiore ai 5.000 Euro, con una quota del 48,9% sul totale, in calo però di 6,4 punti percentuali rispetto allo stesso mese del 2015

Relativamente alle richieste di prestiti finalizzati la classe prevalente si conferma essere quella inferiore ai 5.000 Euro, con una quota pari al 64,7% del totale, ma in contrazione di 5,4 punti percentuali rispetto al 2015; cresce, invece, l’incidenza delle classi di importo comprese tra 5 e10 mila Euro e tra 10 e 20 mila Euro (rispettivamente di 3,1 e 1,6 punti percentuali).

Sul fronte dei prestiti personali, invece, la classe prevalente è quella compresa tra 10 e 20.000 Euro, con il 30,4% del totale. Seguono le classi comprese tra 5 e 10.000 Euro, con il 27,6%, e quella inferiore ai 5.000 Euro, con il 24,8%.

CLASSI DI DURATA DEI PRESTITI RICHIESTI

Osservando la domanda dei prestiti richiesti sulla base della loro durata, sempre nell’aggregato di prestiti personali più finalizzati, dall’analisi CRIF emerge che a gennaio 2016 più di un terzo del totale presenta una durata inferiore ai 24 mesi (37,6%). Sono in particolare i prestiti personali ad orientarsi verso le classi di durata più lunghe, nel tentativo di rendere il peso della rata il più basso possibile.

Classe Durata Finanziamento (nr Anni) %Dati Anno Corrente
0 – 12 mesi 19,8%
12 – 18 mesi 4,5%
18 – 24 mesi 13,3%
24 – 36 mesi 15,6%
23 – 48 mesi 11,8%
48 – 60 mesi 13,4%
oltre 60 mesi 21,5%

Fonte: EURISC – Il Sistema CRIF di Informazioni Creditizie

CLASSI DI ETÀ DEI RICHIEDENTI

In relazione al profilo dei richiedenti prestiti per fascia di età, infine, a gennaio 2016 si rileva come siano le classi centrali, ovvero quella compresa tra i 35 e 44 anni e quella tra i 45 e 54 anni, ad aver presentato il maggior numero di richieste di prestiti, rispettivamente con il 24,4% e il 25,3% del totale.

Classe Età %Dati Anno Corrente
18-24 anni 5,4%
25-34 anni 18,1%
35-44 anni 24,4%
45-54 anni 25,3%
55-64 anni 16,2%
65-74 anni 9,3%
Oltre 74 anni 1,4%

Fonte: EURISC – Il Sistema CRIF di Informazioni Creditizie

“In linea con il migliorato clima di fiducia dei consumatori continua il percorso di consolidamento della domanda di prestiti da parte delle famiglie verso i valori pre-crisi. In particolare, il comparto risulta ancora sostenuto dalla vivacità dei prestiti finalizzati e, più nello specifico, da quelli relativi all’acquisto di auto e moto. Il fatto però che le decisioni di indebitamento si concentrino verso importi ancora contenuti, seppur in crescita, e classi di durata più lunghe rispetto al passato conferma l’atteggiamento ancora cauto da parte delle famiglie – ha sottolineato Simone Capecchi, Direttore Predictive Information Solutions di Crif –. Sul fronte dell’offerta, invece, i crediti deteriorati continuano a gravare sui conti economici degli Istituti, inducendoli a porre la massima attenzione nel mixare strategie commerciali “next to buy” e/o incentrate alla customer experience con una gestione oculata del portafoglio crediti”.

Credito, Crif: a gennaio domande di prestiti in aumento dell’11,7% ultima modifica: 2016-02-08T11:56:00+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA