Eurobroker Italia, Bevilacqua: “Double Door consente all’impresa di affrontare con metodo e competenza il complicato rapporto con il sistema creditizio”

Eurobroker Italia Spa, network di mediazione creditizia, specializzata nei finanziamenti alle aziende e ai privati, ha realizzato “Double Door” una piattaforma destinata al segmento corporate.
Il servizio consente alle aziende che vogliono ottenere un finanziamento (fido in cc, anticipi fatture, chirografi, mutui, leasing, etc) di essere visibile, attraverso la piattaforma “DD”, al sistema banche, in forma anonima.
Il servizio predispone automaticamente un’istruttoria telematica identica a quella delle banche per la valutazione delle aziende, in accordo con le direttive di Basilea II.
I deliberanti delle banche, attraverso una password riservata, possono effettuare le ricerche delle aziende per settori (aree geografiche, fatturato, etc).
Se esistono aziende rispondenti ai requisiti richiesti, possono vedere l’istruttoria completa che viene, però, esposta in forma anonima.
Per conoscere i particolari della piattaforma abbiamo parlato con Luciano Bevilacqua, presidente di Eurobroker Italia.

Che definizione darebbe di Double Door nel tempo di una corsa di ascensore?
Double Door è un marketplace che favorisce l’incontro tra la domanda di risorse finanziarie (imprese e famiglie) e l’offerta d’impiego (banche e istituzioni finanziarie).

Qual è la sua caratteristica principale?
Il sistema consente di realizzare un’istruttoria completa per una richiesta di finanziamento, secondo i criteri adottati dalle banche. Il servizio effettua un’ampia, oggettiva e dettagliata analisi del richiedente e dell’operazione in esame. Tale analisi compone, insieme alla documentazione di dettaglio, la presentazione dell’istanza. Il portafoglio pratiche in carico a Eurobroker Italia è così accessibile ai deliberanti, attraverso delle credenziali d’accesso da noi rilasciate, che possono consultare le richieste, senza alcun elemento che le possa ricondurre al nostro cliente, e selezionarle in base a criteri geografici, settoriali, dimensionali dell’azienda, tipologia e dimensione dell’operazione richiesta. Una volta espresso il gradimento dell’operazione, noi comunichiamo gli estremi del richiedente al mediatore creditizio affinché possa procedere al contatto con la banca.

Come questo sistema potrà aiutare le aziende?
I benefici per l’azienda sono molteplici e rilevanti. Il primo consiste nel supporto professionale che consente all’impresa di affrontare con metodo e competenza il complicato rapporto con il sistema creditizio. Un secondo aspetto riguarda la notevole ampiezza di potenziali banche con le quali l’impresa può entrare in contatto. Un ulteriore beneficio è la contrazione dei tempi: l’informatizzazione del processo consente di contenere gli intervalli anche in relazione ai numerosi contatti che consente. Inoltre che le aziende che utilizzano Double Door hanno a disposizione, nella loro area riservata, un’analisi approfondita del loro bilancio, con le singole criticità evidenziate (fino a 70 indici) sulle quali, l’azienda stessa o eventuali consulenti, possono operare modifiche per migliorare il bilancio e gli indici economici che l’azienda esprime. Infine, un fattore di estrema rilevanza è l’assenza d’impegno della centrale rischi sino al manifesto gradimento da parte d’una istituzione creditizia all’operazione.

Come Double Door contribuirà a migliorare il vostro processo di business?
Tutti i mediatori creditizi di Eurobroker Italia avranno lo stesso metodo di gestione del cliente e tutte le aziende riceveranno la stessa qualità di servizio. Ciò incide nella valorizzazione del nostro portafoglio, migliora l’efficienza del processo di gestione delle pratiche offrendo inoltre al cliente e ai nostri collaboratori un costante e puntuale monitoraggio dello stato dell’istanza.

Come siete dislocati territorialmente e come è composta attualmente la vostra rete?
Attualmente siamo presenti nel Lazio e in Lombardia con circa 20 mediatori.

Quanti ne prevedete per il prossimo anno?
Entro la fine dell’anno corrente contiamo di arrivare a circa 60 mediatori.

Con che criteri individuate i vostri partner?
La capacità di gestire relazioni nei confronti del tessuto imprenditoriale, professionale e associativo sul territorio ove si opera è la caratteristica di maggior pregio che deve essere supportato da un’adeguata esperienza nell’attività di mediazione ovvero del credito nei confronti del segmento corporate.

Il Consiglio dei Ministri ha appena approvato la riforma della mediazione creditizia. Come cambierà il vostro modo di lavorare?
La riforma normativa che modificherà il nostro settore, a nostro personale avviso, trasferirà sulle aziende come la nostra un’attività di presidio e di responsabilità, a cui non vogliamo sottrarci, ma che almeno in parte dovrebbero essere a carico dell’organo di vigilanza. Porterà indubbiamente a una scrematura del mercato e all’emersione di chi opera con professionalità ed efficacia.

Quali saranno invece gli obiettivi strategici nei prossimi mesi?
La nostra ambizione è diventare l’interlocutore di riferimento per le imprese, grazie alla capacità di identificare le soluzioni alle loro esigenze di risorse finanziarie, per il sistema creditizio relativamente all’attività di sviluppo e selezione della clientela.

Eurobroker Italia, Bevilacqua: “Double Door consente all’impresa di affrontare con metodo e competenza il complicato rapporto con il sistema creditizio” ultima modifica: 2010-08-01T20:17:26+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA