Fed: tassi fermi fino a metà del 2015

Fed

La sede della Fed a Washington

La Federal reserve non toccherà i tassi di interesse fino alla secondo metà del 2015. Lo ha annunciato il numero uno dell’istituto Janet Yellen, sottolineando la necessità di lasciare invariato il tasso di scontro in modo tale da consentire che la ripresa economica Usa si consolidi.

Dopo la “sorprendentemente ampia” flessione del Pil nel primo trimestre dell’anno, infatti, l’economia statunitense sembra essere ripartita.

In questo contesto la Fed punta a interrompere l’acquisto di bond a ottobre.

La manovra di stimolo all’economia è iniziata nei primi mesi del 2009 ed è arrivata a un massimo di 85 miliardi al mese, prima di scendere progressivamente. Secondo le minute dell’incontro del 17-18 giugno del Fomc, il Federal open market committee, l’acquisto di asset è stato ridotto mensilmente di 10 miliardi di dollari da dicembre (è attualmente a quota 35 miliardi di dollari) e avrà fine con il taglio di 15 miliardi il prossimo ottobre.

Per potersi concretizzare, comunque la manovra dovrà essere confortata dalla crescita dell’economia.

Quanto all’inflazione, la Fed prevede che resti sotto il 2% per alcuni anni. Alcuni partecipanti al direttivo, si legge nelle minute, si sono dichiarati “preoccupati che la persistente bassa inflazione in Europa e Giappone possa erodere le aspettative di inflazione”.

Fed: tassi fermi fino a metà del 2015 ultima modifica: 2014-07-10T11:10:28+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA