FISAC CGIL, no ai licenziamenti alla Carife spa

Cassa di Risparmio di Ferrara

Cassa di Risparmio di Ferrara

In relazione alla comunicazione dei commissari straordinari della Cassa di Risparmio di Ferrara che annunciano 295 esuberi, su un totale di circa 1500 dipendenti, la Fisac esprime in modo forte e chiaro un no secco ai licenziamenti”. Lo afferma il segretario generale del sindacato dei bancari della Cgil, Agostino Megale.

I commissari – aggiunge il leader della Fisac Cgil – annunciano una drastica riduzione degli occupati e delle condizioni di lavoro, insieme ad una pesante chiusura di filiali e punti operativi, che coinvolge i lavoratori della Carife e quelli delle controllate Carife Sei e Commercio e Finanze Leasing e Factoring”.

Insomma – prosegue Megale – ci troviamo di fronte ad una pesantissima ristrutturazione, con effetti

drammatici sui lavoratori del Gruppo chiamati a farsi carico delle conseguenze  della crisi aziendale che ha portato a maggio 2013 al commissariamento”.

Si annuncia quindi – conclude il segretario generale della Fisac Cgil – un confronto difficile, che non pot

rà prescindere dal pieno coinvolgimento di tutti i lavoratori delle Aziende del Gruppo, dai quali viene con forza la richiesta di conoscere le prospettive e gli sbocchi della crisi. La prima informativa fornita dai commissari dovrà, quindi, essere implementata e dettagliata per potere accedere ad un confronto, non predeterminato, sulle misure realmente utili per uscire dalla crisi, salvaguardando l’occupazione e le condizioni di lavoro”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

FISAC CGIL, no ai licenziamenti alla Carife spa ultima modifica: 2013-08-11T15:57:54+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA