FSA: decisa una multa di 100 mila sterline per frode sui mutui

Wagner, dal canto suo, ha rinviato la notifica al Tribunale Superiore dove comparirà insieme alla FSA per discutere il proprio ricorso.

Sarà quindi il tribunale a sbrogliare una questione piuttosto delicata, il cui esito verrà pubblicato e reso disponibile online a chiunque volesse approfondire la questione.

Ripercorriamo la vicenda: in data 14 aprile 2011 la FSA ha deciso di inibire Wagner a svolgere la propria professione, multandolo per quattro irregolari richieste di mutuo verso se stesso contenti informazioni non corrette e dettagli consapevolmente inesatti circa il proprio credit score; oltre a questo, Wagner avrebbe anche gonfiato i dati relativi al proprio stipendio.

Secondo le accuse mosse dalla FSA, Wagner avrebbe anche omesso di vigilare sull’operato di due mediatori, Neeraj Harish e Richard Fairley colpevoli – come Wagner – di aver avanzato richieste di mutuo a loro vantaggio, manipolando in entrambi i casi il reddito.

Raymond Wagner è inoltre accusato di non aver messo in atto i controlli adeguati per monitore le richieste di mutuo, esponendo la propria azienda al rischio di frode finanziaria, oltre che causare un possibile danno per i consumatori e gli istituti di credito che collaborano con Ambergate.

Anche Harish e Fairley verranno giudicati dal Tribunale che valuterà la richiesta di inibizione allo svolgimento della professione avanzata dalla Financial Services Authority, per aver operato “senza i requisiti di onestà, integrità e competenza per diversi anni”.

Tom Spender, head of retail in enforcement and financial crime, ha dichiarato: “I mediatori del credito hanno il dovere di rispettare le regole imposte dal Authority per tutelare il consumatore e proteggerlo dai rischi. Come FSA – ha concluso – abbiamo promosso oltre 100 azioni legali dal 2005 a oggi contro i mediatori che non hanno rispettato le nostre regole. In futuro continueremo a vigilare sul mercato”.

FSA: decisa una multa di 100 mila sterline per frode sui mutui ultima modifica: 2011-10-07T13:05:49+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA