Ga.Fi. Sud, nel 2013 volume di garanzie in crescita del 23,4%

Gafi Sud LogoHa avuto luogo l’assemblea generale ordinaria dei soci di Ga.Fi Sud, l’organismo di garanzia presieduto da Rosario Caputo, primo ed unico confidi della Campania iscritto nell’elenco degli intermediari finanziari vigilati da Banca d’Italia, per i previsti adempimenti annuali.

L’anno appena trascorso, spiega una nota, ha registrato un successo per Ga.Fi. Sud e per le imprese ad esso associate. Ne è testimonianza il fatto che, pur in presenza di una drastica riduzione del credito, Ga.Fi. Sud ha registrato nell’analogo periodo un aumento del 23,4% del volume di garanzie concesse rispetto al 2012.

Al 31 dicembre, Ga.Fi. Su ha conseguito questi risultati:

•Per essere iscritto nell’elenco speciale ex art. 107 del Testo Unico Bancario (T.U.B) e, quindi, fra gli intermediari finanziari sottoposti alla vigilanza della Banca d’Italia ha saputo adeguarsi alle disposizioni di legge e di vigilanza, al fine di assicurare la concreta applicazione delle stesse disposizioni (sana gestione) e di contenere i rischi entro il patrimonio (prudente gestione).

•Il numero delle imprese associate è pari a 1.747, e sono cresciute del 9%.

•Il patrimonio di vigilanza ha raggiunto l’importo di 7.062.060 euro. Esso assicura una copertura dei rischi assunti pari al 22,25% (indice di solvibilità o di adeguatezza patrimoniale – Core Tier1) a fronte di un coefficiente patrimoniale minimo del 6%. Ciò a testimonianza di quanto sia attento il Confidi nell’assunzione dei rischi, che potenzialmente può incrementare ancora la propria attività di circa 3 volte con la medesima dotazione patrimoniale.

•Le garanzie rilasciate al 2013, ammontano a circa 82 milioni, con un aumento del 23,4% rispetto al 2012.

•Gli affidamenti garantiti al 2013 sono stati circa 140 milioni, registrando un aumento del 9,6 % rispetto al 2012.

“Mi preme ribadire – ha dichiarato Caputo – la necessità di individuare percorsi e strumenti di intervento in grado di valorizzare al massimo la funzione che i Confidi sono chiamati a interpretare nell’attuale contesto economico. Le Istituzioni pubbliche devono quindi sforzarsi di essere linfa vitale per i confidi, evitando la dispersione delle risorse. È bene precisare che nonostante le oggettive difficoltà congiunturali, alla luce dei risultati conseguiti nel corso del 2013, Ga.Fi. Sud ha dimostrato di essere, ancora una volta, un confidi virtuoso”.

Consulta il bilancio di Ga.Fi. Sud

Ga.Fi. Sud, nel 2013 volume di garanzie in crescita del 23,4% ultima modifica: 2014-04-22T11:18:17+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA