Genworth Canada: premi in calo nel 3Q per l’assicurazione dei mutui

Le nuove regole (più severe) in materia di rifinanziamento non solo hanno influenzato la condotta della Canada Mortgage and Housing Corporation (CMHC, l’associazione del Governo canadese che assicura i finanziamenti per i mutui residenziali), ma anche di Genworth, tra le Compagnie assicurative più importanti al mondo, che ha subito un calo pari a sei milioni di dollari di premi nel terzo trimestre del 2011.

“Il calo (anno su anno) è in parte imputabile a una contrazione della produzione di mutui rispetto allo scorso anno, e quindi a un numero inferiore di transazioni legate alla all’assicurazione dei mutui, solo parzialmente compensate dalla maggior penetrazione della Compagnia nel mercato”.

Un rapporto rilasciato proprio dalla Genworth rivela infatti che i premi netti per il trimestre terminato lo scorso 30 settembre hanno raggiunto quota 160 milioni di dollari, 6 in meno rispetto allo stesso valore maturato nel terzo trimestre del 2010.

Un calo, comunque, più contenuto rispetto alla diminuzione del 40% registrata dalla CMHC, durante il secondo trimestre, sempre a proposito dell’assicurazione sul mutuo. Eppure questo trend rinforza le preoccupazioni dei mediatori creditizi circa gli effetti della decisione del governo canadese di abbassare il limite massimo di loan to value su quei mutui.

Curtis Cannon, mediatore creditizio della TMG The Mortgage Group, ha dichiarato: “L’aver abbassato il tetto del loan to value dal 90% all’85% equivale alla volontà, da parte del governo, di uscire dal business dei rifinanziamenti. Questo secondo me è deplorevole perché il CMHC sembra aver dimenticato la propria mission: far in modo che ogni canadese conservi la propria abitazione”.

Sempre secondo il rapporto della Genworth, l’estate scorsa, la Crow corporation (il governo federale canadese) ha annunciato che l’attività di assicurazione sui rifinanziamenti dei mutui è diminuita del 40% nel trimestre che si è concluso lo scorso 30 giugno rispetto allo stesso trimestre del 2010. Non solo, ma l’analisi rivela anche che tale attività “si è mantenuta sugli stessi livelli anche nei mesi a venire”.

Tutto questo si traduce in cattive notizie per i clienti dei mediatori creditizi. Infatti, sempre più clienti, complice anche il contesto economico, scelgono di dirottare i risparmi non sulla casa ma preferiscono assicurarsi contro eventuali debiti causati da un improvviso lutto in famiglia, cause di divorzio, malattie etc. Secondo Cannon il governo sta venendo meno ai propri compiti e responsabilità nei confronti dei canadesi, “costretti a servirsi della propria casa come se fosse un bancomat”.

“Non sono affatto convinto che le regole relative al rifinanziamento dei mutui siano buone – ha concluso Cannon –. Abbassare il loan to value dal 90% all’85% può infatti creare non poche difficoltà a un gran numero di mutuatari”.

Genworth Canada: premi in calo nel 3Q per l’assicurazione dei mutui ultima modifica: 2011-11-09T14:15:38+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA