Gruppo Bipiemme, utile netto in crescita del 37,6%

Il consiglio di amministrazione della Banca Popolare di Milano ha esaminato e approvato i risultati al 31 dicembre 2009. L’utile netto del Gruppo Bipiemme si attesta a 103,6 milioni di euro, in crescita del 37,6% rispetto a fine 2008, grazie al risultato della gestione operativa che raggiunge 598,8 milioni di euro, in aumento del 12,6% sul 2008.

 

La raccolta diretta si attesta a 35.803 milioni, con un incremento del 2,1% rispetto al 31 dicembre 2008 mentre la raccolta indiretta con la clientela ordinaria, valutata ai valori di mercato, si attesta a 45.732,7 milioni (+28,9%). Gli impieghi a clientela sono rimasti sostanzialmente invariati (-0,1%) a 32.852 milioni. La posizione interbancaria netta presenta, a fine 2009, un saldo positivo di 1.446 milioni, superiore al dato di 2,5 milioni di fine 2008. Il patrimonio netto, comprensivo dell’utile d’esercizio, si attesta a 3.892 milioni, in crescita di 640 milioni. Il dato include 500 milioni dei cosiddetti ”Tremonti Bond” emessi nel quarto trimestre dello scorso anno e sottoscritti dal MEF. Il core tier 1 si attesta al 7,95%, il Tier 1 all’8,72% ed il total capital ratio raggiunge il 12,78%. Il Consiglio di Amministrazione ha deciso di proporre ai soci la distribuzione di un dividendo pari a 0,10 euro, che sara’ posto in pagamento a partire dal 27 maggio.

A nome del consiglio di amministrazione, il presidente Massimo Ponzellini, nel ringraziare tutti i collaboratori e i componenti degli organi deliberanti del Gruppo, ha commentato: “Siamo particolarmente soddisfatti dei buoni risultati del 2009, soprattutto tenendo in considerazione l’andamento macro-economico complessivo che ha influito negativamente sull’industria bancaria, sia sul lato ricavi, con la contrazione del margine di interesse dovuta al livello minimo dei tassi raggiunto nella seconda metà del 2009, sia sul lato del costo del credito, in aumento per effetto della forte recessione che ha colpito l’Italia e l’Europa lo scorso anno. Malgrado tale contesto, il Gruppo Bipiemme ha continuato ad investire, proseguendo il cammino strategico di rafforzamento in alcuni settori specifici, quali il risparmio gestito e la banca on-line, ed ha anche mantenuto il proprio impegno a sostegno dell’economia, in particolare nel segmento delle piccole e medie imprese e delle famiglie. Per il finanziamento alle piccole e medie imprese, siamo in linea con gli impegni assunti con l’emissione dei Tremonti-bond. Con la scelta di presentare il Piano Industriale 2010-2012 all’inizio di quest’anno, malgrado il perdurare del difficile contesto economico, il Gruppo ha pianificato gli obiettivi per il triennio e confermato il proprio impegno a fianco delle imprese e al territorio in cui opera”.

Il direttore denerale, Fiorenzo Dalu, ha aggiunto che “le performances registrate dal risultato operativo e dall’utile netto sono particolarmente soddisfacenti perché includono l’onere non ricorrente di € 132 milioni per lo stanziamento al Fondo di Solidarietà, solo parzialmente compensate da proventi non ricorrenti da cessioni di assets. L’utilizzo dello strumento del Fondo di Solidarietà consentirà al Gruppo un progressivo ed importante recupero di efficienza e, quindi, grazie ai risparmi rivenienti, di finanziare i progetti di crescita previsti nel Piano Industriale 2010-2012”.

Leggi la relazione completa

Gruppo Bipiemme, utile netto in crescita del 37,6% ultima modifica: 2010-03-24T10:09:01+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA