Gruppo MutuiOnline S.p.A.: approvato bilancio consolidato 2009, ricavi di euro 47,9 milioni (+3,3%) e utile netto consolidato di euro 14,4 milioni (-2,3%)

{jcomments on}

Tali documenti sono ancora soggetti a revisione da parte di PricewaterhouseCoopers. I ricavi consolidati per l’esercizio chiuso al 31 dicembre 2009 sono risultati pari ad Euro 47,9 milioni, in aumento del 3,3% rispetto all’anno precedente. Tale incremento è riconducibile alla crescita della Divisione Broking che ha registrato nell’esercizio ricavi in aumento del 13,8%, passando da Euro 27,9 milioni nell’esercizio 2008 ad Euro 31,7 milioni nell’esercizio 2009. Di contro, la Divisione BPO ha registrato ricavi in calo del 12,5%, passando da Euro 18,5 milioni nell’esercizio 2008 ad Euro 16,2 milioni nell’esercizio 2009.

Il risultato operativo ha registrato un calo del 4,2% nell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2009, rispetto all’esercizio precedente, passando da Euro 21,9 milioni nell’esercizio 2008 ad Euro 20,9 milioni nell’esercizio 2009. La crescita percentuale del risultato operativo della Divisione Broking nel corso dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2009, paragonato con l’esercizio precedente, è sostanzialmente in linea con la crescita dei ricavi della Divisione. Per quanto riguarda la Divisione BPO, pur rimanendo positivo, il risultato operativo evidenzia una contrazione molto più marcata rispetto alla riduzione dei ricavi, per l’effetto congiunto del calo dei ricavi e della decisione di mantenere e, in specifiche aree, di potenziare la capacità operativa in funzione dell’avvio e del ramp-up di alcuni contratti di outsourcing di recente sottoscrizione.

Il risultato netto attribuibile ai soci dell’Emittente ha registrato un calo del 2,3% nell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2009, passando da Euro 14,8 milioni nell’esercizio 2008 ad Euro 14,4 milioni nell’esercizio 2009.

Evoluzione prevedibile della gestione
Per quanto riguarda la Divisione Broking, a fronte di un contesto di mercato tuttora sfidante, il solido posizionamento strategico potrebbe consentire nel corso del 2010 un aumento dei volumi di finanziamenti intermediati, seppur ad un ritmo più moderato rispetto alla crescita dell’esercizio precedente.

La Divisione BPO, dopo aver risentito nel corso del 2009 di una riduzione dei volumi di attività con i clienti esistenti, soprattutto relativamente ai mutui, potrà vedere nel 2010 un incremento del proprio volume di affari, grazie all’impatto dei nuovi clienti acquisiti nel corso del 2009. La potenziale crescita sarà concentrata soprattutto nella Linea di Business CEI, e sarà visibile a partire dal secondo trimestre dell’anno.

Proposta di destinazione dell’utile dell’esercizio e distribuzione dei dividendi
L’esercizio chiuso al 31 dicembre 2009 dell’Emittente registra un utile di esercizio pari a Euro 12.964.725. Il consiglio di amministrazione propone all’assemblea di destinare l’utile di esercizio di Euro 12.964.725 nel seguente modo:

  • quanto a Euro 12.906.410 da distribuirsi come dividendo nella misura di Euro 0,34 per ogni azione in circolazione con stacco della cedola in data lunedì 3 maggio 2010 e pagamento da giovedì 6 maggio 2010;
  • per la residua parte, pari a Euro 58.315, da destinarsi alla riserva per risultati portati a nuovo.

Sulla base delle riserve disponibili e della situazione patrimoniale, economica e finanziaria della Società, il consiglio di amministrazione propone inoltre all’assemblea anche la distribuzione di un dividendo straordinario complessivo pari a Euro 759.201, nella misura di Euro 0,02 per ogni azione in circolazione con stacco della cedola in data lunedì 3 maggio 2010 e pagamento da giovedì 6 maggio 2010. Tale dividendo verrà interamente tratto dalla riserva per risultati portati a nuovo che, al 31 dicembre 2009, ammonta a Euro 778.701.

L’importo complessivo del dividendo, ordinario e straordinario, è quindi pari a Euro 13.665.611, nella misura di Euro 0,36 per ogni azione in circolazione, da mettere in pagamento, al lordo delle eventuali ritenute di legge, a decorrere dal 6 maggio 2010, previo stacco della cedola n. 3 in data 3 maggio 2010.

L’importo complessivo del dividendo, ordinario e straordinario, corrisponde al 99,4% dell’utile di esercizio e delle riserve distribuibili dell’Emittente alla data di approvazione del progetto di bilancio, in sostanziale coerenza con la politica di payout del 100% precedentemente annunciata. In tal senso si precisa che, considerato quanto previsto dallo IAS 18 (par. 30) con riferimento all’iscrizione dei dividendi quali componenti positivi di reddito congiuntamente a quanto stabilito dall’art. 2433-bis del codice civile (“acconti sui dividendi”), gli utili distribuiti dalle società operative, controllate al 100% dall’Emittente, risultano iscrivibili nel bilancio di quest’ultima nell’esercizio successivo a quello in cui sono realizzati e che, conseguentemente, sono distribuibili con un ritardo temporale di un esercizio.

Si ricorda inoltre che, nel corso dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2009, sono stati distribuiti indirettamente agli azionisti Euro 1.334.922, mediante acquisto di azioni dell’Emittente da parte della controllata MutuiOnline S.p.A. per Euro 760.159 e mediante acquisto di azioni dell’Emittente da parte della controllata Centro Istruttorie S.p.A per Euro 574.764.

Clicca qui per leggere:

1. Conto economico consolidato per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2009 e 2008

2. Stato patrimoniale consolidato al 31 dicembre 2009 e 2008

3. Rendiconto finanziario consolidato per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2009 e 2008

4. Conto economico per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2009 e 2008

5. Stato patrimoniale al 31 dicembre 2009 e 2008

6. Rendiconto finanziario per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2009 e 2008

7. Dichiarazione del dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari

Gruppo MutuiOnline S.p.A.: approvato bilancio consolidato 2009, ricavi di euro 47,9 milioni (+3,3%) e utile netto consolidato di euro 14,4 milioni (-2,3%) ultima modifica: 2010-03-20T18:24:14+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA