Immobiliare, Nomisma: nel I trimestre mercato in crescita del 17,3%. Nel II semestre prevista contrazione delle erogazioni di mutui

Nomisma LogoDopo 8 anni di recessione il mercato immobiliare italiano ha iniziato a mostrare timidi segnali di ripresa, non solo sul residenziale ma anche per le imprese. Sul settore però pesa un possibile effetto Brexit e le prospettive continuano a essere caratterizzate da notevole incertezza. Questo in sintesi il quadro che emerge dall’ultimo Rapporto Immobiliare di Nomisma.

Secondo l’analisi i primi tre mesi del 2016 hanno visto una crescita generalizzata di tutti i comparti, con un aumento del 17,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nel dettaglio il settore residenziale ha conosciuto un incremento del 20,6%, quello commerciale del 14,5% e il terziario dell’1,3%.

Per quanto riguarda i prezzi, nel primo semestre del 2016 la variazione tendenziale annua oscilla dal meno 1,8% delle abitazioni nuove al meno 2,5% degli uffici.

A nove anni dall’inizio della crisi il mercato delle compravendite nelle 13 grandi città italiane presenta un ridimensionamento del 40% nel segmento residenziale e del 50% degli immobili per l’impresa.

L’Osservatorio prende in considerazione anche il comparto dei mutui, per il quale si prevede nel secondo semestre dell’anno “una limitata revisione al ribasso dell’erogazioni per poi riprendere il percorso di espansione nel 2017-2018”.

I finanziamenti erogati alle famiglie per acquisto di abitazioni hanno raggiunto nel 2015 il valore di 41,2 miliardi contro i 24,1 del 2014. Il tasso di crescita delle erogazioni ha raggiunto il 70,6% nel 2015, per poi ridursi nel primo trimestre del 2016, attestandosi sul 55%.

Le rilevazioni di Nomisma mostrano che sono 852.000 le famiglie che vogliono acquistare un’abitazione. Di queste 395.000 alla ricerca di un mutuo, con una proiezione in termini di finanziamenti di poco inferiore ai 47 miliardi di euro. Oltre 53.000 famiglie sono intenzionate ad accendere un mutuo per la ristrutturazione dell’abitazione principale nei prossimi 12 mesi, mentre sono oltre 1,8 milioni quelle che non escludono di accenderlo in futuro.

Immobiliare, Nomisma: nel I trimestre mercato in crescita del 17,3%. Nel II semestre prevista contrazione delle erogazioni di mutui ultima modifica: 2016-07-13T12:38:52+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA