Immobiliare Usa, Re/Max: vendite in aumento del 6,3% a gennaio

Re/Max LogoNegli Stati Uniti le vendite di immobili nel mese di gennaio sono state del 6,3% maggiori rispetto a quelle dello stesso periodo lo scorso anno, eguagliando l’aumento su base annua registrato in dicembre. Allo stesso tempo, le tendenze stagionali previste hanno registrato il 31,7% di vendite in meno a gennaio rispetto a dicembre. Dal mese di gennaio 2009, il calo medio delle vendite di dicembre era del 27,6%. Negli ultimi 12 mesi la media dell’incremento nelle vendite su base annua è stata del 5,6% e solo due mesi, novembre e ottobre, hanno registrato un calo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il prezzo mediano di tutte le case vendute a gennaio è stato di 200.714 dollari, pari a un incremento del 6.7% rispetto a gennaio 2015. L’offerta di case in vendita rimane molto ristretta in molte metropoli in tutto il paese, mostrando una diminuzione del 14,7% rispetto allo scorso anno. Nel mese di gennaio, la media nazionale di mesi sul mercato è stata di 4.6, inferiore al 5.2 dello scorso anno. Sono queste le principali evidenze che emergono dall’ultimo Re/Max National housing report.

“Come solitamente accade, le vendite di immobili nel mese di gennaio registrano un rallentamento, ma nonostante questo abbiamo iniziato l’anno con un numero di compravendite superiore  rispetto al mese di gennaio del 2015. I tassi di interesse sui mutui rimangono più o meno gli stessi di un anno fa e sono sempre molto vicini ai minimi storici. Prezzi più ragionevoli degli immobili stanno fornendo agli attuali proprietari maggiore equità, anche se questo non incide particolarmente sull’accessibilità degli acquirenti”, ha dichiarato Dave Liniger ad, presidente del consiglio e cofondatore di Re/Max.

“Le valutazioni degli immobili continuano a salire man mano che l’economia si rafforza e gli acquirenti trovano immobili da acquistare spesso più convenienti rispetto ad una soluzione in  affitto. Il numero dei potenziali acquirenti ha superato i venditori in alcuni mercati. D’altra parte, alcune aree sono più bilanciate, producendo una crescita più lenta o perfino un leggero declino in alcuni mesi. È importante ricordare che una crescita lenta non è necessariamente una causa di problemi, ma piuttosto un segno di un mercato in salute e sostenibile”, ha aggiunto Bob Walters, chief economist Quicken Loans.

TRANSAZIONI CONCLUSE – I CAMBIAMENTI DI ANNO IN ANNO

Nelle 52 aree metropolitane coinvolte nell’indagine RE/MAX a gennaio, il numero medio di immobili venduti è stato del 6,3% maggiore rispetto allo scorso anno, ma del 31,7% inferiore rispetto al mese precedente. Le vendite di gennaio sono solitamente inferiori rispetto a dicembre e da gennaio 2009 la media di diminuzione è stata del 27,6%. Le vendite di gennaio sono sembrate particolarmente forti nel nord est, in città come Boston, Philadelphia, Trenton, Manchester e Burlington. A dicembre, 38 delle 52 aree metropolitane intervistate hanno registrato vendite maggiori su base annua, 13 delle quali con aumenti a doppia cifra: Trenton, NJ +31.3%, Burlington, VT +30.9%, Manchester, NH +27.0%, Boston, MA +22.1%, Philadelphia, PA +16.8%, and Minneapolis, MN +16.2%.

PREZZO MEDIANO DI VENDITA

Il prezzo mediano di vendita di tutte le case vendute nel mese di gennaio è stato di $200.714, inferiore del 2,3% rispetto a dicembre. Su base annua, il prezzo mediano di vendita è ora salito per 48 mesi consecutivi, ma l’incremento di gennaio del 6,7% è inferiore alla media del 7,6% per ciascun mese nel 2015. Una scarsa offerta di immobili continua a fare pressione sui prezzi, nonostante il loro incremento si stia moderando negli ultimi mesi. Tra le 52 aree metropolitane intervistate a gennaio, 49 hanno registrato prezzi maggiori rispetto allo scorso anno, con 15 percentuali a doppia cifra, che includono Tampa, FL +19.4%, Nashville, TN +16.1%, Trenton, NJ +15.2%, Orlando, FL +14.6%, Des Moines, IA +13.9% and Denver, CO +12.9%.

GIORNI SUL MERCATO

La media dei giorni sul mercato per tutte le case vendute nel mese di gennaio è stata di 71 giorni, 4 giorni in più rispetto alla media di dicembre, ma 9 in meno rispetto a gennaio 2015. Gennaio diventa il 34esimo mese consecutivo con una media di 80 o meno giorni sul mercato. Nei due mercati con la più bassa offerta di immobili, Denver and San Francisco, i giorni sul mercato sono stati rispettivamente 40 e 36. Solo quattro aree metropolitane hanno registrato una media di giorni sul mercato di 100 o più; Burlington, VT 103, Des Moines, IA 105, Chicago, IL 107 e Augusta, ME con una media di 165 giorni.

L’OFFERTA DI IMMOBILI MENSILE

Il numero degli immobili in vendita a gennaio è stato del 5,0% inferiore rispetto a dicembre e del 14,7% inferiore rispetto a gennaio 2015. La media della perdita dell’offerta su base annua  per ciascun mese nel 2015 è stata di 12,2%. Basata sul tasso di immobili in vendita a gennaio, l’offerta di case in vendita di 4,6 è stata leggermente inferiore rispetto al 4,9 di dicembre e inferiore rispetto alla media di 5,2 del gennaio dello scorso anno. Un’offerta di immobili a 6,0 rappresenta un mercato in equilibrio tra acquirenti e venditori. Augusta, ME ha continuato con la più alta offerta a gennaio di 12.7. Cinque metropoli hanno registrato un’offerta di due mesi o meno, incluse Denver, CO 1.2, San Francisco 1.4, Seattle 1.5, Portland, OR 1.7 and Dallas-Ft. Worth, TX 2.0.

Immobiliare Usa, Re/Max: vendite in aumento del 6,3% a gennaio ultima modifica: 2016-02-25T16:20:51+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA