Kredito Mediazione Creditizia, lo sviluppo dell’iniziativa prosegue

Il presidente e direttore generale del gruppo KServizi, Gianfranco Dote, commenta con soddisfazione i risultati di sviluppo a quasi un anno dall’avvio dell’iniziativa, che prevede l’aggregazione di mediatori creditizi, agenti in attività finanziaria e altri professionisti del settore finanziario e assicurativo alla rete a marchio Kredito Mediazione Creditizia.

La recente pubblicazione del D.Lgs 141/2010 rafforza la validità del modello aggregativo – ha affermato il presidente –, che si fonda sull’adesione degli operatori alla Cooperativa K Network Scarl in qualità di soci ed è conforme alle nuove norme di settore. A fronte di quasi mille richieste pervenute al 31 luglio 2010 e applicando criteri di valutazione molto selettivi, le adesioni formalizzate al 31 agosto sono superiori a quanto preventivato (34 contro 28) e più che sufficienti all’attivazione della società cooperativa, prevista per novembre di quest’anno, in sostituzione della società veicolo K Servizi Finanziari, utilizzata finora per le attività di mediazione creditizia a livello nazionale”.

“A livello di punti vendita, alle sedi di rappresentanza commerciale e direzionale di Roma, Milano e Napoli si aggiungono gli uffici e negozi finanziari di Napoli, Roma, Latina, Bologna e sono previste a cavallo tra fine 2010 e inizio 2011 nuove aperture in città e provincia a Napoli, Salerno, Bari, Cosenza, Roma, Tivoli, Latina, Cagliari, Pisa, Milano, Belluno, Ancona, Falconara, Savona, Brescia, Bergamo, Como, Alessandria – ha concluso Dote –. Siamo evidentemente aperti, alla luce degli obiettivi di sviluppo in corso di definizione per il 2011, alla prosecuzione degli incontri con mediatori creditizi e agenti in attività finanziaria, che alla luce dell’imminente operatività della nuova normativa stanno dimostrando un interesse sempre più vivo alla nostra organizzazione”.

Kredito Mediazione Creditizia, lo sviluppo dell’iniziativa prosegue ultima modifica: 2010-09-15T14:40:06+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA