La studentessa Bocconi parla ai big della finanza

L’intervento è stato possibile grazie all’apertura, voluta quest’anno dalla Commissione nazionale per le società e la borsa, ad altre voci oltre a quella del presidente. La scelta è caduta su uno studente Bocconi che illustrasse la prospettiva dei giovani sul contributo della Borsa e il sistema finanziario a servizio del paese.

Per i giovani è stato un grande onore avere un rappresentante e per me personalmente essere stata scelta. Pensando ai giovani ho voluto sottolineare la nostra preoccupazione per come l’Italia stenta a riprendere una sostenuta crescita economica”, ha esordito Federica Andrighetto, iscritta al 1° anno del master of science in international management. Tra i freni alla crescita, ha citato “la fatica delle pmi nel vedere il mercato finanziario come fonte di capitale per il proprio sviluppo”. Ha poi voluto sottolineare “come la quotazione sia una grande opportunità e sarebbe una leva per la crescita dell’economia del paese, fattore importante per le nostre prospettive e per favorire il nostro impegno”.

Tra i vantaggi della quotazione, infatti, “è di particolare interesse per noi futuri manager il favorire la meritocrazia nei processi di selezione del management – ha spiegato -. Un mercato meritocratico e competitivo permetterebbe ai nostri anni di studio di dare i migliori frutti”.

La giovane ha auspicato una maggiore collaborazione tra regolatori, operatori e sistema imprenditoriale per convincere le aziende che il mercato dei capitali sia un metodo efficace per finanziare la loro crescita. “Per funzionare bene, il mercato reale e il mercato finanziario devono essere integrati in un sistema omogeneo in cui ognuno contribuisca mutualmente alla crescita dell’altro – ha concluso -. Solo dalla cooperazione effettiva tra autorità di mercato e attori dell’economia reale può scaturire quella spinta ad uno sviluppo sostenibile del nostro paese cosicché possa mantenere una posizione di primo piano nel panorama mondiale”.

La studentessa Bocconi parla ai big della finanza ultima modifica: 2011-05-13T07:18:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA