Leasing immobiliare: Gianluca De Candia, direttore generale Assilea, spiega le differenze rispetto al mutuo

De Candia, AssileaAcquistare casa con un mutuo o in leasing. Dopo l’approvazione dell’emendamento alla Legge di Stabilità da parte della Commissione bilancio della Camera, singoli e famiglie avranno a disposizione uno strumento di finanziamento alternativo a quello tradizionale per comprare la propria abitazione. Una novità di cui anche gli intermediari del credito dovranno necessariamente tenere conto. Per capire nel dettaglio come funzionerà il leasing immobiliare abbiamo rivolto alcune domande a Gianluca De Candia, direttore generale dell’Assilea, Associazione italiana leasing.

Quali sono i vantaggi di un leasing rispetto a un mutuo?
I punti di forza del leasing sono molteplici. In primo luogo, se si decide di accendere un mutuo è necessario versare un “acconto” per l’acquisto dell’abitazione, che generalmente si aggira intorno al 30 per cento del valore della stessa. Diversamente il leasing finanzia l’intero valore dell’immobile, con un canone iniziale pari più o meno al 15 per cento del suo costo. A ciò si aggiunge il fatto che il leasing consente di poter contare sostanzialmente su una rata a tasso fisso al prezzo di una rata a tasso variabile. Da un lato quindi si può fare affidamento sul fatto che la rata non andrà mai a crescere, dall’altro si conterranno i costi. Inoltre ci sono rilevanti vantaggi fiscali. Gli under 35 con un reddito inferiore ai 55.000 euro annui potranno infatti usufruire di una detrazione pari al 19 per cento delle spese sostenute per i canoni e gli oneri accessori, fino a un tetto massimo di 8.000 euro, mentre la deducibilità del mutuo si ferma a 4.000. Gli stessi soggetti avranno diritto a una detrazione fiscale del 19 per cento sui costi relativi al riscatto finale dell’immobile, a condizione però che l’importo non superi i 20.000 euro.

E per chi ha più di 35 anni?
In questo caso in vantaggi fiscali sono dimezzati.

Un mutuo può arrivare anche a trenta anni, mentre un leasing si ferma a venti. Questo non comporta pagamenti mensili più elevati?
In realtà secondo le nostre proiezioni le cose stanno diversamente. Ad esempio per un under 35 con un reddito lordo di 32.500 euro che vuole comprare un’abitazione del valore di 150.000 euro il canone del leasing sarebbe di 618 euro mensili, con un maxicanone iniziale del 15 per cento, un riscatto del 20 per cento e un risparmio fiscale complessivo di 32.000 euro. Se il reddito lordo sale a 42.500 euro e il valore dell’abitazione a 200.000, il canone arriva a 823 euro e il risparmio fiscale a 34.200. Inoltre si deve tener conto che una fetta di quello che si paga per il leasing alla fine di ogni anno si può detrarre dalle tasse. Dunque  meno dura il leasing più si può detrarre.

In caso di difficoltà è possibile sospendere il pagamento delle rate?
Sì. Ad esempio nell’ipotesi di perdita del lavoro il canone potrà essere bloccato, una sola volta e per un periodo massimo di dodici mesi. In questo caso non sarà prevista nessuna commissione, né onere aggiuntivo sulla spesa concordata in precedenza. A ulteriore tutela dello stipulante, se questo non è più in grado di pagare, la normativa prevede che, nel momento in cui la banca rientra in possesso dell’abitazione debba tener conto di quanto lo stipulante ha versato come canone di leasing fino a quel momento.

Quali sono le vostre previsioni sulla diffusione del leasing immobiliare? Potrà veramente diventare uno strumento alternativo al mutuo?
Oggi in Italia ci sono 200.000 giovani che hanno meno di 35 anni e che non sono proprietari di un’abitazione. Per queste persone il leasing immobiliare rappresenta senza ombra di dubbio un’opzione molto interessante. In aggiunta a ciò desideriamo anche sottolineare l’importanza che questo strumento può avere per l’industria edilizia, offrendo l’opportunità di dare una spinta al settore e quindi di aiutare l’intero Paese.

Leasing immobiliare: Gianluca De Candia, direttore generale Assilea, spiega le differenze rispetto al mutuo ultima modifica: 2015-12-24T12:04:03+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA