Lloyds Banking Group non cede Scottish Widows

Infatti ricordiamo che al momento dell’insediamento ai vertici del maggior istituto finanziario britannico, António Horta-Osório – nuovo chief executive di Lloyds Banking Group – aveva preannunciato l’intenzione di cedere la società entro la fine di giugno.

Tuttavia, secondo gli analisti, la nuova mossa di Horta-Osório trova un riscontro in una più ampia strategia finalizzata ad abbandonare progressivamente il modello della Bancassicurazione per focalizzarsi maggiormente sul retail banking e il mercato dei mutui.

Il settimanale Scotland on Sunday ha scritto in questi giorni che Horta-Osório è convinto che il robusto cash flow e la capacità di raggiungere gli obiettivi di Widows permetta di raggiungere un assetto di valore. Non solo, sempre secondo il magazine, António Horta-Osório è sicuro che la Scottish Widows aiuterà il gruppo a ricostruire le rapporti con gli investitori.

Nel mentre, gli analisti della City ritengono che la recente nomina da parte di Lloyds di Toby Strauss – chief UK operating officer di Aviva – come nuovo group director della banca per il settore assicurativo, sia un chiaro segnale della volontà di conservare Windows.

Lloyds ha acquistato Scottish Widows nel 1999 per 7 miliardi di sterline. Nonostante il difficile periodo vissuto dai mercato nei primi anni 2000, Windows ha mantenuto un sostanzioso cash flow che ha permesso al Gruppo di “riottenere”, tra il 2005 e il 2007, quasi 2 miliardi di sterline dalle controllate.

Lloyds Banking Group non cede Scottish Widows ultima modifica: 2011-06-07T08:39:40+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA