Mediazione creditizia e assicurazioni, l’Oam risponde all’Aiba in merito ai profili di incompatibilità

Oam QuadratoCon una comunicazione del 10 febbraio scorso l’Oam ha dato riscontro alle richieste di chiarimenti formulate dall’Aiba in merito in una nota del 23 dicembre 2015, contenente alcune considerazioni critiche circa l’interpretazione fornita dall’Organismo in relazione all’incompatibilità tra l’esercizio delle attività di agenzia in attività finanziaria e di mediazione creditizia e quelle di agenzia di assicurazione e di mediazione assicurativa e riassicurativa, ai sensi dell’art. 17 del D.Lgs. n. 141/2010.

Ritenendo che detta interpretazione travalicasse le competenze attribuite all’Oam ed estendesse arbitrariamente le previsioni di incompatibilità dettate dalla normativa sulla intermediazione creditizia alla normativa assicurativa, l’Aiba ha appunto inviato la nota del 23 dicembre.

Nella risposta, a firma del presidente Catricalà, l’Organismo, accogliendo le osservazioni di Aiba, ha rivisto la propria posizione, chiarendo che le incompatibilità di alcune forme di collaborazione derivanti dalla legge 141/2010 sono riferibili esclusivamente agli operatori iscritti negli elenchi dei mediatori creditizi e agenti in attività finanziaria, applicandosi al settore dell’intermediazione assicurativa solo nelle limitate ipotesi in cui l’intermediario creditizio sia anche intermediario assicurativo.

Per quanto riguarda gli assicuratori, dunque, la preclusione ad intrattenere rapporti di collaborazione con iscritti nella sezione A) ed E) del Rui che rivestano anche la qualifica di agente in attività finanziaria opera limitatamente all’ipotesi in cui il broker sia iscritto all’Oam in qualità mediatore creditizio.

Unicamente in questa circostanza il broker non può intrattenere rapporti con iscritti nella sezione A) che siano anche iscritti come agenti in attività finanziaria. Tale divieto si estende anche ai rapporti con i collaboratori.

 

Mediazione creditizia e assicurazioni, l’Oam risponde all’Aiba in merito ai profili di incompatibilità ultima modifica: 2016-03-05T08:00:34+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA