Monte dei Paschi, il III trimestre chiude in rosso per 109 milioni

montepaschi-sienaIl cda di Monte dei Paschi di Siena ha approvato i risultati al 30 settembre. Nei primi nove mesi del 2015, spiega una nota, il totale ricavi del gruppo si è attestato a circa 3.384 milioni di euro (+8,4% sullo stesso periodo dell’anno precedente), con un contributo del 3°Q2015 di circa 958 milioni di euro in calo del 17,4% rispetto al trimestre precedente, sul quale ha inciso la contabilizzazione della perdita derivante dalla chiusura della operazione “Alexandria” (circa -130 mln di euro pre tasse).

In dettaglio:

  • il margine di interesse dei primi nove mesi del 2015 si è attestato a circa 1.740 mln di euro in crescita del 12,1% sullo stesso periodo dell’anno precedente, a seguito dell’impatto, per circa 147 mln di euro, della rideterminazione del valore di rimborso dei Nuovi Strumenti Finanziari (NSF); al netto di tale componente il margine di interesse evidenzierebbe comunque una crescita annua pari a circa il 2,4%. Tale crescita è riconducibile al minor importo medio degli stessi NSF e al miglioramento della forbice media, effetti positivi in parte compensati dal calo degli impieghi fruttiferi medi e dalla flessione del rendimento del portafoglio, conseguente agli interventi di ottimizzazione. Il contributo del 3° trimestre è risultato pari a circa 569 mln di euro, in leggero aumento rispetto al trimestre precedente (+1,5%) beneficiando della completa estinzione degli NSF, avvenuta nel mese di giugno 2015, e della riduzione del passivo oneroso, a cui si è contrapposta la contrazione dei volumi e dei rendimenti degli impieghi con clientela commerciale.
  • le commissioni nette, pari a circa 1.358 mln di euro, sono risultate in crescita del 5,1% su base annua grazie all’aumento dei proventi da gestione del risparmio sostenuti sia dall’attività di collocamento che dal continuing. Nel 3° trimestre l’aggregato è stato pari a 431 mln di euro, in flessione rispetto al trimestre precedente (-10,9%) per effetto di un calo dei proventi da collocamento prodotti e di quelli legati all’attività creditizia, su cui ha inciso la stagionalità.
  • il risultato netto da negoziazione-valutazione-riacquisto di attività/passività finanziarie dei primi nove mesi del 2015 è risultato pari a circa 164 mln di euro, in calo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (-25,9%), con un contributo del 3° trimestre negativo per 67 mln di euro (valore che ha incluso la contabilizzazione della perdita derivante dalla chiusura della operazione “Alexandria” per circa -130 mln di euro pre tasse). Il valore del 2°Q2015 è stato positivo per circa 59 mln di euro. Analizzando in dettaglio i principali aggregati si evidenzia:
    – un risultato netto dell’attività di negoziazione positivo per circa 161 mln di euro (+73 mln di euro Y/Y), riconducibile prevalentemente ai proventi della controllata MPS Capital Services, con un contributo del 3°Q2015 di circa 44 mln di euro in calo del 10,2% rispetto al trimestre precedente;
    – un risultato da cessione/riacquisto di crediti e passività/attività finanziarie disponibili per la vendita positivo per circa 9 mln di euro a fronte di circa 150 mln di euro registrati nello stesso periodo dell’anno precedente. Il 3° trimestre 2015 ha registrato un valore negativo per -124 mln di euro in quanto ha assorbito la perdita derivante dalla chiusura dell’operazione “Alexandria” e ha risentito dei minori risultati, rispetto al trimestre precedente, relativi alle attività di ottimizzazione del portafoglio AFS;
    – un risultato netto delle attività/passività finanziarie valutate al fair value negativo per 5,6 mln di euro (-16,2 mln di euro contabilizzati al 30 settembre 2014), con un contributo 5 del 3° trimestre positivo per 12,5 mln di euro da ricondurre prevalentemente alla riduzione di valore di alcune passività valutate al fair value.
  • Dividendi, proventi simili e utili (perdite) delle partecipazioni: il risultato, pari a circa 95 mln di euro (è stato circa 82 mln di euro nei primi nove mesi del 2014), ha incluso il contributo AXAMPS (consolidata con il metodo del patrimonio netto). L’aggregato è diminuito di circa 13 mln di euro rispetto al trimestre precedente che ha beneficiato dei dividendi generati dalla partecipazione detenuta in Banca d’Italia per circa 9 mln di euro;
  • Risultato netto dell’attività di copertura: valore positivo per circa 14 mln di euro (negativo per circa 11 mln di euro al 30 settembre 2014), con un contributo negativo di circa 4 mln di euro del 3°Q2015;
  • Altri proventi/oneri di gestione positivi per circa 13 mln di euro (-14,3 mln di euro il valore dei primi nove mesi del 2014), con un contributo praticamente nullo del 3° trimestre

Leggi il comunicato

Monte dei Paschi, il III trimestre chiude in rosso per 109 milioni ultima modifica: 2015-11-10T12:23:36+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA