Mutui, le associazioni dei consumatori chiedono di innalzare la soglia per accedere al Fondo del Governo

Innanzitutto chiedono di ampliare le risorse a disposizione dei cittadini; quindi propongono di allargare il bacino di utenza del provvedimento, in modo che possa beneficiarne un maggior numero di persone. Infine vorrebbero che le iniziative messe in campo in questo settore fossero più sistematiche e integrate.

La nota congiunta
Le tre associazioni in una nota congiunta fanno sapere di essere soddisfatte che sia stato reso finalmente operativo un Fondo per il quale si erano battute e che attendevano da oltre un anno e mezzo. “Affinché non resti una operazione per pochi ma si sostanzi una reale politica di protezione dei nuclei familiari in difficoltà, chiediamo al Governo almeno tre cose: un ampliamento della dotazione del Fondo; l’allargamento delle famiglie che possono accedervi, innalzando la soglia di reddito massimo per averne diritto; ed infine chiediamo che questi provvedimenti diventino sistemici ed integrati anche rispetto alle altre iniziative in materia messe a punto dalla collaborazione tra associazioni di consumatori ed Abi” precisano. Solo in tal modo, “crediamo possa realizzarsi una reale politica di protezione economica della famiglia” concludono.

I tempi
Il decreto del Ministero dell’Economia sul Fondo di solidarietà  dovrebbe essere operativo a partire dal 2 settembre. Ci sono però dei dubbi sul fatto che si riesca a rispettare le tempistiche poiché risultano ancora necessari alcuni adempimenti da parte del ministero. Manca ancora il gestore designato per coordinare il servizio e fornire alle banche le informazioni relative alle procedure per ottenere il rimborso dallo Stato, istruzioni che devono peraltro essere ancora fornite dal ministero. Non è infine operativo neanche il sito internet attraverso il quale reperire notizie sull’argomento e cioè www.dt.tesoro.it/fondomutuiprimacasa.

Mutui, le associazioni dei consumatori chiedono di innalzare la soglia per accedere al Fondo del Governo ultima modifica: 2010-08-25T10:37:04+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA