Mutui Regno Unito: cresce la fiducia degli intermediari nel mercato

Per molti intermediari l’abbassamento dei tassi di interesse sta avendo effetti positivi sul numero di contratti di mutuo stipulato e sulle compravendite immobiliari, inducendo a un ottimismo che è andato costantemente crescendo negli ultimi tre trimestri. Coloro che invece rimangono pessimisti sottolineano i problemi legati alla disoccupazione e le politiche di erogazione del credito incoerenti seguite dagli istituti di credito.

I dati diffusi nei giorni scorsi dal Council of mortgage lenders mostrano che il numero di mutui richiesti dai first time buyers è salito a maggio a 25.100, il 29% in più rispetto ad aprile e il 42% in più su base annua. Quelli stipulati dai first time buyers rappresentano il 45% di tutti i prestiti per l’acquisto di abitazioni, un valore molto simile a quello registrato negli ultimi mesi ma considerevolmente più elevato di quello medio nel 2007.

Ancora, il valore complessivo dei mutui dei first time buyers ha raggiunto i 3,4 miliardi di sterline (circa 3,9 miliardi di euro), in crescita in confronto ai 2,5 miliardi di aprile e ai 2,2 miliardi dello stesso mese dell’anno precedente.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Mutui Regno Unito: cresce la fiducia degli intermediari nel mercato ultima modifica: 2013-07-18T08:54:41+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA