Mutui Usa, domande in contrazione

MortgageNella settimana conclusa il 30 maggio le richieste di mutui negli Stati Uniti sono diminuite del 3,1% rispetto ai sette giorni precedenti. Lo sostiene la Mortgage bankers association.

Per l’associazione l’indice destagionalizzato delle domande di rifinanziamento è sceso del 2,9%, mentre l’indicatore di richieste di prestito per l’acquisto di abitazioni, un indicatore importante delle vendite di case, è sceso del 3,6. Parallelamente per i mutui fissi a trent’anni il tasso medio si è attestato al 4,26% rispetto al 4,31 della settimana precedente.

Nel beige book appena pubblicato la Federal reserve ha sottolineato che la crescita dell’economia Usa  maggio è stata tra “modesta e moderata”.

“Le spese dei consumatori sono aumentate in tutti i distretti”, si legge nello studio, con vendite di auto “robuste”, mentre “le condizioni del mercato del lavoro si sono generalmente rafforzate”, i prezzi delle case “continuano a salire” e la qualità del credito è sta facendo registrare dei miglioramenti.

Mutui Usa, domande in contrazione ultima modifica: 2014-06-06T13:15:01+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA