Mutui Usa, indagine Fannie Mae: i consumatori si aspettano una crescita dei tassi

Mortgage 2Il 55% dei consumatori statunitensi ritiene che tra un anno i tassi sui mutui saranno più alti di quelli attuali. Il 40% pensa che saranno su livelli analoghi. Solo il 5% si aspetta una diminuzione. È quanto emerso dall’ultima National Housing Survey di Fannie Mae.

L’analisi evidenzia che dall’inizio dell’anno i tassi sui mutui a 30 anni sono scesi dello 0,40% e si trovano al di sotto dei livelli di un anno fa. Anche quelli dei finanziamenti a 15 anni sono in calo. Evidenze cui si aggiunge la non indifferente cifra di 7 milioni di mutuatari che sono nelle condizioni di rifinanziare il proprio mutuo per sfruttare il momento favorevole a livello di tassi.

La survey si sofferma anche sulle aspettative in merito all’andamento dei prezzi degli immobili, mostrando che, solo l’11% dei consumatori ritiene che i prezzi delle scenderanno nel corso dell’anno, mentre il restante 89% prevede un aumento medio intorno all’1,7%.

Una previsione che, sottolineano gli esperti di Fannie Mae, potrebbe rivelarsi errata come tutte quelle formulate negli anni recenti, quando i consumatori hanno scommesso su un incremento medio dei costi  del 2,5%, pari alla metà di quelle che si è poi concretamente verificato.

Mutui Usa, indagine Fannie Mae: i consumatori si aspettano una crescita dei tassi ultima modifica: 2016-03-10T19:38:05+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA