Mutui Usa, non si arresta la contrazione della domanda

Mortgage 5Non si arresta negli Stati Uniti la contrazione della domanda di mutui. I dati della Mortgage bankers association mostrano che nell’ultima settimana le richieste sono calate dell’1,6%, seguendo un trend di decrescita che ha riguardato sette delle ultime otto settimane. Rispetto all’inizio dell’anno, quando il basso livello dei tassi aveva portato a un incremento significativo delle domande di finanziamento, si registrano quindi dati in decisa controtendenza.

Le cifre della Mba indicano che le richieste di remortgaging sono diminuite del 5%, toccando il livello più basso dalla fine dell’anno scorso.

Il tasso fisso a 30 anni è rimasto invariato rispetto alla settimana precedente, fermo al 4,56%. Quello per i jumbo loans è invece cresciuto dal 4,46 al 4,49%, mentre quello per i mutui supportati dalla Federal housing administration è calato dal 4,21 al 4,19%

Nessuna variazione anche per quanto il tasso fisso a 15 anni, fermo al 3,62%.

Gli esperti sono in attesa di vedere se il trend di decrescita troverà conferma anche nei prossimi mesi o se quella in atto debba essere piuttosto considerata una semplice flessione momentanea del mercato.

Mutui Usa, non si arresta la contrazione della domanda ultima modifica: 2014-04-10T10:21:41+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA