MutuiOnline, erogazioni in crescita per le seconde case di montagna nel primo semestre dell’anno

L’Osservatorio di MutuiOnline.it ha evidenziato che le erogazioni di mutuo per l’acquisto di seconde case sono in aumento nel primo semestre 2011, mentre in molte località di montagna è stato rilevato un calo generale dei prezzi degli immobili.

Nel dettaglio, i mutui destinati all’acquisto di seconde case in località montane hanno infatti aumentato il proprio “peso” passando dal 4,4% al 4,9% (+ 0,5%), mentre i mutui di sostituzione e di surroga scendono a 36,1% rispetto al 38,7% del 2010. I mutui concessi per l’acquisto di prima casa rimangono, comunque, saldamente al di sopra del 50% delle erogazioni (53,3%).

L’utilizzo del mutuo per finanziare la casa per le vacanze viene ribadito anche da una recente indagine condotta da FIAIP. Secondo la Federazione Italiana Agenti Immobilari, infatti, un’abitazione turistica su quattro in località montane viene comprata attraverso la sottoscrizione di un mutuo a tasso fisso, il quale si attesta tra il 50% e il 60% del prezzo dell’immobile e viene estinto nella maggior parte dei casi entro la durata di 20 anni. A diminuire, invece, sono le spese di acquisto dell’immobile per le vacanze ad alta quota: sempre secondo l’indagine FIAIP nella prima parte dell’anno è stata rilevata una lieve diminuzione dei prezzi delle abitazioni (-0,7%) in quasi tutte le località turistiche montane, a fronte di un aumento della proposta delle case messe in vendita (+9,2%).

Attraverso le rilevazioni effettuate da MutuiOnline.it il 26 ottobre è stato calcolato quanto è possibile spendere per comprare la propria casa dei sogni nelle zone più frequentate dell’arco alpino. In una delle località più gettonate del Trentino, Folgaria, che unisce attrattive sciistiche di qualità a prezzi immobiliari a buon mercato, è possibile acquistare un appartamento di 50 mq. di ottima qualità nel centro del paese con 135.000 euro: con un mutuo ventennale al 50% del valore dell’immobile le rate ammonterebbero a 441 euro con tasso fisso al 4,90%, oppure a 390€ con tasso variabile al 3,47%. Rimanendo sempre nella provincia di Trento si trovano prezzi un po’ più alti a Moena (con un costo al metro quadro a partire da 4.500 euro per le zone più centrali) e a Madonna di Campiglio, che registra i valori più alti della regione con prezzi a partire da 7.400 euro per le zone più ambite: nel primo caso con un mutuo al 50% per un bilocale si spenderebbero 749 euro con tasso fisso al 5,12%, oppure si dovrebbero pagare rate a partire da 651 euro con tasso variabile al 4,90%. Per una casa a Madonna di Campiglio del valore di 370.000 euro è necessario, invece, accendere un mutuo con rate da 1.210 euro (con tasso fisso al 4,90%) o da 1.061 euro (con tasso variabile al 3,38%).

In Lombardia Bormio e Ponte di Legno rimangono tra le mete favorite dagli sciatori. Bormio ha prezzi immobiliari nettamente superiori: si parte da 245.000 euro per un bilocale in buona posizione contro i 160.000 euro di Ponte di Legno. Scegliendo un mutuo a tasso fisso al 4,90% sarebbe, così, possibile acquistare l’abitazione con rate da 523 euro per Bormio e da 801 euro per Ponte di Legno. Situazione immobiliare simile anche a Bardonecchia, una delle più celebri località sciistiche piemontesi, e Asiago, nell’altopiano vicentino. In entrambe le cittadine si possono trovare immobili di ottima costruzione a partire da 175.000 euro: qui la migliore proposta a tasso fisso al 4,90% comporta una rata da 575 euro mensili.

Salendo non solo di altitudine, ma anche di quotazione immobiliare, si arriva a due “perle” delle Alpi, da una parte Cortina d’Ampezzo, con un prezzo al mq. a partire da 9.200 euro, e dall’altra Courmayeur (con circa 8.000 euro per mq.): in questo caso un finanziamento per acquistare un bilocale varia tra 1.505 euro per la cittadina bellunese e 1.308 euro mensili per la località valdostana.

MutuiOnline, erogazioni in crescita per le seconde case di montagna nel primo semestre dell’anno ultima modifica: 2011-11-11T15:31:19+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA