Nuovi nati, anche Veneto Banca aderisce all’iniziativa del governo per il credito agevolato

Aderisce al Fondo nuovi nati (www.fondonuovinati.it) anche Veneto Banca. L’iniziativa, promossa dal governo e dall’Abi prevede l’erogazione di prestiti a condizioni vantaggiose per le famiglie con figli nati o adottati nel triennio 2009-2011. I finanziamenti, della durata massima di 5 anni, arrivano fino a 5.000 euro e prevedono un Taeg (tasso annuo effettivo globale) fisso non superiore al 50% del Tegm (tasso effettivo globale medio) sui prestiti personali in vigore. Per i bambini nati nel 2009 portatori di malattie rare il Taeg è dello 0,5%.

Le banche italiane del gruppo (Veneto Banca nel Nord-Est, Banca Popolare di Intra nel Nord-Ovest, Carifac al Centro e bancApulia al Sud) offriranno condizioni più vantaggiose rispetto a quelle del Fondo Nuovi Nati: un tasso Irs 5 anni + 2% per il finanziamento chiesto per il primo figlio; Irs 5 anni + 1,5% per il secondo; Irs 5 anni + 1% per il terzo. Per i bambini portatori di malattie rare nati nel 2009 è previsto un tasso zero.

“In un periodo difficile non facciamo mancare il nostro sostegno alle famiglie,  proponendo prodotti e convenzioni particolari e aderendo a iniziative dell’Abi, del Governo e della Cei, ove possibile migliorandone ulteriormente le condizioni” spiega Riccardo De Fonzo.  E per semplificare l’offerta l’istituto ha deciso di riunire i principali prodotti dedicati alle famiglie in difficoltà in un’unica linea, denominata Aiuti Concreti, che comprende, oltre al finanziamento per i Nuovi Nati, il Prestito della Speranza, la Sospensione del Pagamento delle Rate dei Mutui e l’Anticipo della Cassa Integrazione.

Gli altri progetti

Il Prestito della Speranza, in collaborazione con la Cei, prevede dei finanziamenti agevolati fino a 6.000 euro della durata massima di 5 anni riservati alle famiglie numerose, oppure a quelle nelle quali uno dei componenti abbia malattie gravi o disabilità o abbia perso il lavoro a causa della crisi o, ancora, intenda iniziare un’attività imprenditoriale.

La Sospensione del Pagamento delle Rate dei Mutui riprende quella proposta dal Piano Famiglie dell’Abi, ma ne estende la durata da 12 a 18 mesi e l’applicazione a più condizioni di difficoltà. Ad esempio: non fissa limiti di importo del finanziamento o di reddito del richiedente; ammette anche mutui a rata costante con tasso e durata variabile; consente la restituzione degli interessi di sospensione in coda al piano di ammortamento.

L’Anticipo della Cassa Integrazione nasce con lo scopo di dare un sostegno concreto a quelle famiglie con lavoratori sospesi dal lavoro per cassa integrazione guadagni straordinaria, anche in deroga, nel caso in cui l’azienda abbia richiesto l’attivazione della relativa procedura e non possa anticipare ai dipendenti le somme corrispondenti alle indennità maturate.

Nuovi nati, anche Veneto Banca aderisce all’iniziativa del governo per il credito agevolato ultima modifica: 2010-06-03T07:30:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA