Occupazione in aumento nei prossimi tre mesi

L’indagine realizzata da Manpower sulle Previsioni Occupazionali in Italia nel quarto trimestre del 2009 registra un incremento di tre punti percentuali rispetto ai tre mesi precedenti, delineando una situazione sostanzialmente in crescita. Le imprese danno fiducia alla prossima ripresa economica ed esprimono l’intenzione di assumere nuovo personale, anche se con moderazione.

Le aziende esprimono fiducia nella ormai prossima uscita dalla crisi e ripresa dell’economia, ma Il dato sulle previsioni occupazionali relativo al quarto trimestre del 2009 è pari a -3%, al netto degli aggiustamenti stagionali: nonostante il segno rimanga negativo, si registra un positivo aumento di 3 punti percentuali rispetto al terzo trimestre dell’anno e una situazione sostanzialmente invariata rispetto allo stesso periodo del 2008. E’ quanto emerge dalla ricerca svolta da Manpower riferita al quarto trimestre dell’anno che prende in esame un panel statisticamente significativo di oltre 1000 datori di lavoro – ad oggi l’indagine previsionale sul mercato del lavoro più estesa a livello mondiale – chiedendo loro quali variazioni prevedono in termini di occupazione nella propria azienda rispetto al trimestre precedente.

Dallo studio condotto da Manpower emerge che la fase più critica della contingenza economica si è concentrata maggiormente nei primi nove mesi dell’anno, come diffuso anche dalla più recente indagine del Centro Studi di Unioncamere, mentre nell’ultimo trimestre del 2009 la situazione economica del Paese dovrebbe stabilizzarsi e il quadro occupazionale, contenendo le perdite, procedere verso un graduale miglioramento.

Le risposte dei datori di lavoro italiani in merito alle loro intenzioni di assunzione, pur registrando ancora segno negativo (il 2% dichiara di prevedere inserimenti in organico, il 7% esprime intenzioni di riduzione, l’89% non prevede variazioni), segnalano che nei prossimi tre mesi le persone in cerca di occupazione avranno sostanzialmente maggiori possibilità di trovarla rispetto al terzo trimestre dell’anno. Ottimismo viene espresso dal settore dei Trasporti e Comunicazioni – comparto che fa registrare un dato previsionale con segno positivo – mentre i restanti settori dichiarano complessivamente intenzioni di segno opposto.

Segmentando i dati per macroaree geografiche, questa la situazione delineata: a differenza di quanto diffuso dalle ultime rilevazioni di Unioncamere secondo cui la contrazione maggiore dell’occupazione è attesa al Centro, dall’indagine Manpower emerge che la visione più ottimista proviene proprio dai datori di lavoro dell’Italia Centrale (-1%) che da un trimestre all’altro registra un miglioramento di 4 punti percentuali. Segue il Nord Est (-2%) che vede un lieve aumento di 2 punti e il Nord Ovest (-3%) con una situazione sostanzialmente invariata nel confronto con il trimestre precedente. Il Sud e Isole (-6%) registrano la prospettiva più difficile (seppure con un incremento di 5 punti percentuali rispetto al terzo trimestre e di 6 punti rispetto allo stesso periodo del 2008), anche questo dato in controtendenza con quanto diffuso da Unioncamere che da queste regioni attende una flessione occupazionale più modesta.

Da un confronto tra settori, i datori di lavoro del comparto Trasporti e Comunicazioni esprimono il dato previsionale più forte (+9%), facendo registrare una crescita di 22 punti percentuali rispetto al terzo trimestre e di 34 rispetto allo stesso periodo del 2008. E’ lo stesso settore che lo studio di Unioncamere indica come quello che registrerà il più marcato calo occupazionale.

Altro segno positivo proviene dal comparto Agricoltura, Selvicoltura, Caccia e Pesca (+1%), mentre i restanti settori esprimono intenzioni di assunzione negative, in particolare quello Minerario ed Estrattivo (-13%) e i comparti Ristoranti & Alberghi e Commercio (entrambi -10%).

Un altro dato rilevante emerge dalla ricerca Manpower: la contrazione dell’occupazione, che finora ha coinvolto in maniera generalizzata tutte le tipologie di lavoratori, avrà caratteristiche differenti e investirà maggiormente il personale non qualificato. “E’ un dato fortemente significativo, che rivela la profonda consapevolezza da parte delle imprese che la chiave per uscire dalla crisi e tornare a essere competitivi sono le persone che operano nell’azienda stessa” dichiara Stefano Scabbio, Presidente e Amministratore Delegato di Manpower Italia. “le imprese oggi cercano nelle risorse per affrontare il mercato in crisi la pragmaticità, il ‘saper fare le cose’, la determinazione al risultato.  Quindi un personale qualificato che sia leader nel guidare il team e l’azienda verso la ripresa. Il livello di professionalità che il mercato del lavoro richiede oggi e richiederà nei prossimi anni sarà elevato e fortemente specializzato, a tutti i livelli, e non concederà soluzioni alternative, come il ricorso alla classica ‘raccomandazione’. Emerge sempre di più l’esigenza di una soluzione strutturata di sostegno al mercato del lavoro, e quindi all’economia in generale, che definisca piani coerenti e credibili di formazione continua e riqualificazione professionale studiati sulla base delle reali esigenze delle imprese, che permettano al lavoratore ‘non qualificato’ di sviluppare le competenze necessarie per competere nel mercato dell’occupazione e portare il proprio attivo contributo al successo dell’azienda nella quale opera. Non si deve inoltre ignorare la ‘questione giovanile’ nel nostro Paese, le difficoltà dei giovani laureati a entrare nel mondo del lavoro dovute principalmente alle carenze di un sistema scolastico e accademico che non rispecchia le effettive esigenze delle aziende. Ci sono centinaia di corsi di laurea che spesso sono anticamere alla disoccupazione o alla sottooccupazione mentre, si rende indispensabile un coinvolgimento sempre più attivo e concreto tra scuola e impresa, che segua metodologie di apprendimento pratiche ed esperienziali in grado di orientare e sostenere il futuro professionale dei nostri giovani. Tutto questo potrà essere realizzato attraverso la creazione di un’autentica ‘cabina di regia’ tra Governo, Imprese, Istituzioni e Sistema Scolastico, che interagiscano tra di essi per operare in maniera strutturata ed efficace sulle attuali problematiche, ad esempio generando professionalità attraverso piani formativi definiti a seguito di un ascolto attivo dei bisogni delle imprese oppure monitorando l’erogazione dei fondi europei concedendo i finanziamenti solo ai progetti davvero meritevoli, sempre puntando sulle eccellenze che oggi il mercato richiede per essere davvero competitivi.

E’ necessario ripartire dalle persone, motore e anima delle aziende, e rimetterle al centro: saranno loro a guidare il cambiamento. Nella competenza globale non è il singolo a vincere, ma l’intero sistema impresa, dal management alla risorsa che opera sulle linee di produzione. L’eccellenza di un’azienda è l’eccellenza delle proprie risorse. Da queste si deve ripartire per cambiare rotta e reagire energicamente alla congiuntura economica, abbandonando il pessimismo per riposizionare la nostra economia ai massimi livelli”.

A livello mondiale, dall’indagine condotta da Manpower Inc. su circa 72.000 datori di lavoro, risulta che in 17 dei 35 Paesi oggetto della ricerca si prospetta un quadro occupazionale in crescita nel prossimo trimestre. Tuttavia, in 15 Paesi le previsioni di assunzione hanno segno negativo e per 10 di essi questo risulta essere il dato previsionale più debole da quando Manpower ha iniziato a realizzare tale indagine. Confrontando i dati con quelli dello stesso periodo del 2008, sono 31 i Paesi che esprimono una previsione occupazionale più debole.

Dati positivi sono previsti in India, Brasile, Colombia, Perù, Cina, Australia, Singapore, Costa Rica, Canada, Taiwan e Polonia. Previsioni negative invece in Romania, Spagna, Irlanda, Giappone e Messico.

I dati dei 35 Paesi coinvolti nell’indagine sono consultabili all’indirizzo www.manpower.com/meos.

 

 

 

 

 

Occupazione in aumento nei prossimi tre mesi ultima modifica: 2009-09-16T16:35:21+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA