Osservare i “movimenti” delle banche portoghesi, potrebbero diventare possibili partners italiani

L’espansione internazionale è la chiave necessaria per il futuro delle banche portoghesi, dal momento che le prospettive del mercato domestico sono molto “grigie”. Gli analisti si attendono un tasso di disoccupazione pari al 11% e le misure del Governo per controllare il deficit pubblico includeranno tagli dei salari nel settore pubblico e tasse più elevate.

Tutto questo porterà a una caduta dei depositi delle banche e a una frenata dello sviluppo dei mutui sia retail sia corporate.

Ci si attende un aumento dei default nei mutui anche retail, con anche nuove tasse per le banche che, dal prossimo anno, saranno anche colpite da nuovi metodi di valutazione dei loro bilanci già adottati in Francia e in UK.

Inoltre il contesto economico potrebbe anche essere peggiore se il Portogallo finirà con il richiedere aiuti monetari. L’outlook per il 2011 è veramente negativo, l’unica cosa da fare per le banche è di crescere all’estero.

Osservare i “movimenti” delle banche portoghesi, potrebbero diventare possibili partners italiani ultima modifica: 2010-11-29T21:11:44+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA