Osservatorio Findomestic: l’obiettivo degli italiani è il risparmio

A dicembre, si legge nel dossier, il grado di fiducia degli Italiani risale leggermente dal minimo storico toccato il mese precedente, ma resta ancora abbondantemente in territorio negativo: 3,1 punti. Un dato in ogni caso ben peggiore della media registrata nella seconda metà dell’anno. A Natale gli Italiani si sono augurati principalmente una cosa: riuscire a risparmiare di più nel 2013. Anche perché, non più del 39% ritiene che quello appena giunto possa essere un anno migliore sotto il profilo delle disponibilità finanziarie.

Gli Italiani sperano anche – nell’ordine – di perdere peso, spendere meglio i loro soldi e essere più presenti con i propri cari. 1 su 5 si augura invece di poter cambiare lavoro.

Va anche evidenziato che per quanto concerne la sfera del lavoro più di un italiano su due (52%) confida che il 2013 sia migliore del 2012, mentre oltre 4 Italiani su 5 si aspettano con il nuovo anno miglioramenti per quanto riguarda la famiglia, la fiducia nelle proprie capacità, l’amore e l’amicizia.

Già a dicembre, dopo il picco negativo di novembre, quando era stato toccato il minimo storico, il grado di fiducia degli Italiani è tornato leggermente a salire: da 3,05 a 3,12 punti, su una scala che va da 0 a 10 e che ha in 7 la sua soglia positiva. A differenza di quanto accaduto il mese scorso, questa volta sono Nordest e Nordovest a riportare – a livello macroregionale – il dato peggiore, con Sud e Isole e Centro che, invece, si collocano un po’ più in alto. Sul fronte della propensione al risparmio, nonostante la speranza generalizzata di poter mettere da parte più soldi nel corso del 2013, l’ultima rilevazione sulla percentuale di consumatori convinti di riuscire a poter aumentare i propri risparmi fa segnare un dato in diminuzione rispetto a quello di novembre: 10,9% contro 13,5%.

Previsioni di acquisto a tre mesi

Elettrodomestici: in lieve aumento la propensione all’acquisto di elettrodomestici bruni e piccoli. Leggero calo, invece, per le intenzioni di acquistare elettrodomestici bianchi. Cresce di 0,3 punti, dal 18,5 al 18,8% la percentuale della propensione all’acquisto di Tv, video, Hi-fi. Stesso incremento per le intenzioni di acquistare elettrodomestici piccoli: 24,9% il dato registrato a dicembre contro il 24,6 di novembre. I bianchi, invece, perdono 0,5 punti, con la quota di consumatori pronti ad un acquisto di qui a tre mesi che passa da 14,3 a 13,8%. In termini di importi medi di spesa, passa da 701 a 713 € quello degli elettrodomestici bianchi; da 644 a 629 quello dei bruni; e da 171 a 187 € quello dei piccoli.

Elettronica di consumo: in crescita le previsioni di acquisto di telefonia, Pc, fotocamere e tablet. La quota di Italiani intenzionati ad effettuare acquisti per prodotti di telefonia sale al 21,2%, dal 20,1 del mese precedente. In crescita anche la propensione all’acquisto di Pc e accessori informatici (dal17,7% di novembre al 18,1% di dicembre), fotocamere e videocamere (da 11,7 a 12,5%) e tablet/ebook (da 11,0 a 11,8%). Per quanto riguarda la spesa prevista, telefonia e fotocamere/videocamere fanno segnare una riduzione degli importi medi (rispettivamente calati a 274 e 277 €). Stabile la previsione di spesa media per Pc (600 €) e tablet/ebook (339 €).

Auto e moto: ancora in calo le previsioni per le auto nuove. Tornano a flettere anche quelle per moto e motorini. Le vetture usate registrano, invece, un leggero aumento della propensione all’acquisto. Recupera leggermente il comparto delle auto usata, riportando la quota di Italiani interessati ad acquistare un’autovettura al 7,1% (contro il 6,7% di novembre). Di nuovo in flessione, da 5,7 a 5,1, le intenzioni di acquistare i motocicli che avevano registrato una crescita nel mese di novembre. Calano per il secondo mese consecutivo le intenzioni di acquistare auto nuove: la quota dei propensi all’acquisto per i prossimi tre mesi scende a 6,9% da 7,4%. Sul fronte dell’ammontare medio di spesa, le cifre restano sostanzialmente stabili: 19.423 € per le auto nuove, 6.900 € per le usate e 3.006 € per le moto.

Casa e arredamento: risalgono le intenzioni di acquisto per i mobili. Giù le previsioni di acquisto e ristrutturazione di immobili. Risale oltre il 15% la quota di Italiani che intendono comprare mobili nei prossimi tre mesi (a novembre erano il 13,7%). Cala invece al 3,7% (contro il 4,6 del mese precedente) la quota di chi vorrebbe comprare casa. Si registra un calo anche nell’ambito delle ristrutturazioni, seppure più contenuto: dal 7,9 al 7,3%.

Tempo libero: lieve arretramento per le intenzioni di acquisto di viaggi e vacanze; più marcato quello che interessa l’abbigliamento sportivo. Diminuisce l’interesse per il fai-da-te. Scende al 29,4% la propensione all’acquisto di viaggi e vacanze (contro il 30,0% del mese precedente); segno meno anche per il fai-da-te, con la quota di intenzionati all’acquisto che passa dal 23,9al 23,5. Più pesante il calo delle intenzioni d’acquisto per l’abbigliamento e l’attrezzatura sportivi: da 22,2 a 20,6%.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Sfoglia l’Osservatorio

Osservatorio Findomestic: l’obiettivo degli italiani è il risparmio ultima modifica: 2013-01-02T12:02:12+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA