Pragmae Financial Advisory Group amplia la propria offerta con le carte di credito Deutsche Bank

La Classic è un prodotto semplice – adatto a ogni tipo di clientela, anche giovane – e caratterizzato da bassi costi, abbinati a una interessante serie di servizi di assistenza e di assicurazione.

La Premier rappresenta una carta più evoluta, ricca di servizi e di coperture assicurative (assistenza medica e legale in viaggio, soccorso stradale, ecc.), destinata a una clientela di alto profilo, con esigenze articolate in termini di spesa e di servizi.

La Black è la carta più prestigiosa della gamma Deutsche Bank, riservata alla clientela top. Oltre a servizi di assistenza medica, legale, stradale e assicurativa durante viaggi e soggiorni all’estero (con massimali elevati), la carta di credito Black fornisce un vero e proprio servizio di concierge – un assistente virtuale sempre a disposizione del cliente per semplificare ogni giornata e organizzare il tempo libero – e porta con sé il servizio Priority Pass, che consente al titolare della carta l’accesso gratuito a oltre 500 sale aeroportuali vip in 90 Paesi nel mondo.

“L’elevata qualità dei prodotti Deutsche Bank ci consentirà di ampliare la gamma e la qualità dei servizi offerti ai nostri clienti – afferma Gaetano Maria Alaimo, amministratore delegato di Pragmae Financial Advisory Group -. Questo accordo di distribuzione aumenterà così in maniera significativa la qualità del portafoglio di Pragmae”.

Siamo soddisfatti – aggiunge Orlando Renisi, responsabile di Deutsche Credit Card di avere concluso questo accordo distributivo con Pragmae, che si va ad aggiungere alle numerose collaborazioni in essere con prestigiosi partner. Il nostro portafoglio prodotti, completo e diversificato, è studiato per rispondere in modo puntuale a differenti target di clientela e permette ai nostri partner di aggiungere valore alla loro offerta”.

Pragmae Financial Advisory Group amplia la propria offerta con le carte di credito Deutsche Bank ultima modifica: 2011-08-01T16:31:37+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA