Prepagate, Italia supera la Gran Bretagna. Strumenti sempre più diffusi per gli acquisti

Gli italiani sono in vetta alla classifica di utilizzo delle carte prepagate: l’81% ne ha conoscenza, contro il più modesto 65% in Gran Bretagna, e il 27% ne ha acquistata almeno una. È quanto emerge da un’indagine sulle carte prepagate effettuata da TNS, azienda leader nel mondo nell’ambito delle ricerche di mercato e consulenza di marketing, e VRL, editore di riferimento nella community finanziaria internazionale, e presentata in occasione della quinta edizione del Prepaid Cards Summit al Grand Hotel Parco dei Principi a Roma il 12 e il 13 novembre 2009.

Nel 2008 in Italia erano in circolazione 7,3 milioni di carte prepagate, con una crescita del 25% rispetto al 2007. L’utilizzo maggiore è stato rivolto agli acquisti online: il 57% dei consumatori ha affermato, infatti, che questo è l’uso principale, seguito dall’utilizzo di denaro quando si va all’estero (24%), dalla possibilità di gestire meglio i propri soldi – avendo un limite – (16%) e dal fatto di poter dare denaro ai figli (10%) più tranquillamente.

Non sono sorpreso dalla popolarità delle carte prepagate nel nostro Paese – dichiara Alberto Biraghi, global account director di TNS Italia -. Non essendo legate a un conto corrente bancario e offrendo un limite alla possibilità di spesa (a differenza della carta di credito) sono un modo concreto per prevenire problemi di frodi e debiti. Sono sicure per i pagamenti online e rappresentano un modo nuovo per poter dare soldi ai propri figli senza obbligarli a portare con sé denaro sonante”.

Fra coloro che hanno acquistato le carte, il 76% ne ha raggiunto il plafond massimo di utilizzo, ma solo il 58% di queste persone lo ha fatto abitualmente: l’8% lo ha raggiunto più di una volta al mese, il 28% una volta al mese e il 40% solo due/tre volte all’anno. E per quanto riguarda le gift card? Il 50% degli intervistati in Italia non ne ha mai sentito parlare e, fra quelli che le conoscono, solo la metà sa come funzionano. Solo il 16% delle persone intervistate, in Italia, poi, ha avuto in regalo una gift card, inoltre solo un 4% dichiara di aver acquistato una gift card per qualcun altro, a fronte di un 96% completamente ignaro della possibilità. “L’Italia è uno dei primi paesi in Europa nell’acquisto di carte prepagate, anche se questo trend non si è ancora trasferito nel mercato delle gift card, dove solo un’esigua minoranza usa le carte prepagate di alcuni retailer o centri commerciali come regalo – continua Biraghi -. In Gran Bretagna, invece, due terzi (68%) delle persone l’ha ricevuta in regalo, quattro volte più che nel nostro Paese, anche se solo una piccola percentuale fra gli inglesi usa le carte prepagate (12%). Questo, probabilmente, ha a che fare con l’elevato livello di popolarità delle catene retailer in Inghilterra e con la riservatezza che contraddistingue il popolo anglosassone, che non ha l’abitudine di regalare denaro, usanza invece diffusa in Italia e sempre ben accolta in quanto dà l’opportunità di spenderlo nel proprio negozio preferito”.

Prepagate, Italia supera la Gran Bretagna. Strumenti sempre più diffusi per gli acquisti ultima modifica: 2009-11-17T10:27:58+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA