Prestiti, italiani spaventati dalla crisi: il 26% include un’assicurazione

Come ha spiegato Lorenzo Bacca, responsabile business unit di Prestiti.it “La copertura assicurativa del credito è una forma di tutela che le banche offrono al titolare del finanziamento nel caso in cui non fosse in grado di sostenere il pagamento delle rate e che, al contempo, offre maggiori garanzie agli istituti finanziatori. In caso di insolvenza, ad esempio per perdita del lavoro, malattia, infortunio o decesso, è l’assicurazione che interviene, evitando che si interrompa il pagamento delle rate. Ovviamente, tutto secondo le clausole del contratto stipulato”.

L’assicurazione rappresenta chiaramente un onere aggiuntivo per il cliente, che modifica la somma totale del finanziamento richiesto e l’ammontare della singola rata. L’aumento mensile varia da banca a banca e dipende dalla durata, dalla somma richiesta e dall’età anagrafica del cliente.

“La credit protection insurance – ha sottolineato Bacca – è obbligatoria per legge solo nel caso in cui si faccia ricorso alla cessione del quinto; negli altri casi, la scelta di tutelarsi è lasciata al cliente. Va detto, tuttavia, che spesso l’incremento che questa implica sulla rata mensile può rappresentare un paracadute in caso di incidente che vale la pena prendere in considerazione”.

Osservando da vicino i numeri contenuti nell’indagine di Prestiti.it si scopre che la cifra media di un prestito coperto da assicurazione ruota attorno ai 10.000 euro, da rimborsare in un lustro. Non tutti i finanziamenti, tuttavia, ricevono la stessa attenzione: quelli implicano un impegno maggiore in termini di durata sono anche i più “protetti”, come è facile verificare considerando che per durate inferiori ai 36 mesi la richiesta di copertura è meno del 23%.

Infine, per quanto attiene alle finalità, al primo posto si trovano i prestiti per arredamento (31,7%), seguiti da quelli per matrimoni e cerimonie (29,9%) e per la ristrutturazione della casa (28,6%).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Prestiti, italiani spaventati dalla crisi: il 26% include un’assicurazione ultima modifica: 2013-01-25T09:50:49+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA