Roadshow “Italia per le Imprese, con le Pmi verso i mercati esteri”, la tappa di Trento

Credito 2A Trento si è svolta oggi una delle tappe del roadshow 2016 “Italia per le Imprese, con le Pmi verso i mercati esteri”, patrocinato dal ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, promosso e sostenuto dal ministero dello Sviluppo Economico e organizzato da Ice-Agenzia.

Obiettivo del roadshow, informa un nota, è supportare le aziende sui temi dell’internazionalizzazione, fornendo servizi di consulenza e assistenza a quelle realtà che intendono cogliere opportunità di sviluppo e crescita sui mercati esteri.

Dopo avere ricordato le vittime dell’attentato di Bruxelles e rivolto un pensiero al Belgio, tra i principali partner commerciali del Trentino, Enrico Zobele, vice presidente per l’internazionalizzazione di Confindustria Trento, ha dichiarato: “Sebbene in Trentino i dati economici parlino di una situazione migliore che altrove, anche nella nostra Provincia c’è bisogno di un impulso ancora maggiore ai processi di internazionalizzazione: l’export ha raggiunto i 3 miliardi e 400 milioni di euro, che per la maggior parte sono tuttavia realizzati in Europa. A favore di nuovi investimenti in questo senso opera Confindustria Trento, grazie all’attività di Trentino Export e Assoservizi”.

Michele Dallapiccola, assessore all’Agricoltura, Foreste, Turismo e Promozione, Caccia e Pesca della Provincia Autonoma di Trento, ha poi preso parola: “La nostra politica provinciale è un modello da imitare e non da invidiare. Occasioni di incontro come quella odierna, favoriscono un positivo e sinergico scambio di idee ed esperienze che aiuta a rendere ancora più ‘fertile’ il contesto di riferimento”.

La sessione tecnica è poi stata animata da interventi più specificatamente volti a presentare gli scenari internazionali e gli strumenti nazionali e territoriali a sostegno dell’internazionalizzazione.

Claudio Colacurcio, Prometeia Specialist, ha in seguito fornito una panoramica sulle opportunità che derivano alle imprese da un percorso di internazionalizzazione, con un focus specifico sulle potenzialità del territorio trentino.

La parola è quindi passata a Carlo Formosa, direttore centrale per l’internazionalizzazione del sistema Paese, ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale che ha posto l’accento sul ruolo svolto dal Ministero nel sostegno alle imprese e nella promozione delle iniziative d’internazionalizzazione. “Il tipo di sostegno per le imprese può essere istituzionale o informativo, diretto o attraverso le nostre piattaforme informatiche. È importante che le imprese le conoscano e che le utilizzino di più.” Ha continuato: “125 ambasciate, 79 consolati, 85 istituti di cultura, 25 addetti scientifici e tecnologici costituiscono una rete integrata al servizio delle nostre imprese all’estero, che va utilizzata ulteriormente e meglio”.

Ice-Agenzia è stata rappresentata dal direttore generale Roberto Luongo, che ha così commentato: “L’Agenzia Ice aiuta le imprese italiane ad entrare nei mercati globali attraverso la definizione delle strategie più idonee a realizzare i propri obiettivi o individuando i partner esteri con cui pianificare, sviluppare e consolidare i rapporti internazionali, agevolando la ricerca di potenziali investitori o di fonti di finanziamento. Questa attività di promozione si concretizza in circa 850 eventi programmati all’anno, coinvolgendo 70 settori del made in Italy in 60 mercati”.

Mario Bruni, responsabile Nord Est, Rete Domestica Sace, e Vincenzo Pagano, referente Simest per il Trentino-Alto Adige, hanno illustrato i servizi e la consulenza con cui sono rispettivamente in grado di affiancare le aziende che vogliono andare sui mercati globali.

A chiudere la sessione tecnica sono stati gli interventi di Renata Diazzi, direttrice area internazionalizzazione e filiere Trentino Sviluppo, e Mauro Zan, responsabile area investimenti Finest che hanno offerto un interessante spaccato sulla realtà trentina.

A chiusura dei lavori della mattinata, Lorenzo Delladio, presidente e amministratore delegato de La Sportiva s.p.a., azienda che produce scarpette d’arrampicata e scarponi per l’alta montagna, è stato protagonista della “Testimonianza aziendale di successo” evidenziando come l’internazionalizzazione sia una scelta inevitabile nello sviluppo di un’azienda e come nel suo caso sia stato fondamentale il supporto fornito dalle istituzioni.

Durante il pomeriggio, le imprese trentine hanno avuto modo di incontrare i funzionari dell’Ice-Agenzia, di Confindustria Trento e delle altre organizzazioni partecipanti al Roadshow, per valutare insieme le strade migliori da percorrere per un’internazionalizzazione di successo.

Il roadshow “Italia per le Imprese, con le Pmi verso i mercati esteri” è patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed è promosso e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Oltre all’Ice-Agenzia, a Sace e a Simest, l’evento si avvale della collaborazione di Confindustria, Unioncamere e di Rete Imprese Italia.

Roadshow “Italia per le Imprese, con le Pmi verso i mercati esteri”, la tappa di Trento ultima modifica: 2016-03-23T18:02:18+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA