Robert Half: due aziende su tre sono impreparate alla successione del proprio direttore finanziario

Nella maggioranza dei casi (65%), la motivazione sta nel fatto che le aziende non prevedono un’uscita a breve del proprio chief financial officer (Cfo). Tuttavia sono numerose le situazioni in cui l’azienda dichiara di non essere in grado di preparare la successione per la mancanza di un professionista interno in grado di subentrare (20%) oppure perché ha altre priorità (15%).

“Le aziende italiane che si preoccupano della successione del direttore finanziario sono ancora poche – ha dichiarato Vittorio Villa, managing director di Robert Half executive search –  ma in realtà questo ruolo dovrebbe favorire la continuità manageriale: tant’è che spesso viene scelto all’interno dell’azienda. In ogni caso – ha sottolineato – il fatto di utilizzare fonti diversificate per la ricerca, dalle associazioni di categoria agli head hunter, dimostra che oggi le aziende sono più strutturate che in passato, quando la ricerca di una figura adatta a ricoprire questa carica avveniva molte spesso in situazioni di emergenza, magari con il Cfo dimissionario e il bilancio da approvare”.

Per quanto riguarda la provenienza dei Cfo, più della metà delle aziende intervistate (52%) lo ha promosso dall’interno, mentre, negli altri casi, è stato identificato attraverso relazioni dell’azienda e associazioni professionali (23%), all’interno del loro network di persone di fiducia (22%) oppure affidandosi a una società di head hunting (19%).

Quanto alle caratteristiche richieste ai Cfo in fase di selezione, il primo requisito cui si guarda è la capacità di gestire efficacemente le persone (22%), seguita dalle abilità di pensiero strategico/analitico (20%), dalla capacità di incrociare le diverse funzioni aziendali (14%), dalla capacità di influenzare i manager di linea (12%) e dalle esperienze internazionali (11%).

Robert Half: due aziende su tre sono impreparate alla successione del proprio direttore finanziario ultima modifica: 2011-09-14T12:46:37+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA