Studi di settore, Fiaip: bene il cambio di rotta del Mef

Fiaip Logo“Finalmente il  ministero dell’Economia e delle Finanze e la Sose, Soluzioni per il sistema economico s.p.a., hanno dato via libera a una modifica strutturale degli studi di settore. L’introduzione degli ‘indicatori di compliance’ renderà più agevole il contraddittorio tra il contribuente e l’Agenzia delle entrate”. Così Paolo Righi, presidente nazionale della Fiaip.

“Siamo solo all’inizio di un percorso virtuoso – ha specificato Righi – che deve vedere contribuenti e Agenzia delle entrate, collaborare per giungere ad una equità fiscale che gli studi di settore nella loro applicazione non consentivano.  Tutte le associazioni che collaborano con la Sose da tempo chiedevano un cambio di rotta, un plauso quindi anche al Mef per aver tradotto in un atto pratico le indicazioni della platea contributiva”.

Fiaip auspica che il periodo sperimentale degli indicatori di compliance sia il più breve possibile, al fine di eliminare completamente un’ attività fiscale che nel tempo ha vessato il popolo delle Partite iva.

Studi di settore, Fiaip: bene il cambio di rotta del Mef ultima modifica: 2016-09-08T16:41:01+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA