Supervisione bancaria Ue: primo sì del Parlamento

Per l’approvazione definitiva della nuova disciplina sulla supervisione bancaria Strasburgo ha comunque stabilito di attendere la conclusione dei negoziati con Francoforte sulle disposizioni contabili.

Il voto del Parlamento, ha sottolineato Gianni Pittella, vicepresidente vicario del Pe, dà “il via libera alla supervisione bancaria unica europea che sarà in capo alla Bce. La situazione disastrosa del sistema bancario cipriota e le difficoltà delle banche europee dimostrano che c’è bisogno di una supervisione efficace a livello europeo che non faccia sconti a nessuno, che impedisca che nel sistema bancario vi siano figli e figliocci, banche su cui chiudere un occhio ed altre da guardare con benevolenza. La supervisione unica serve quindi per dare piu’ garanzie ai nostri risparmiatori e per mettere in sicurezza i loro depositi. I loro risparmi saranno finalmente controllati da un’istituzione indipendente e credibile”.

Con la creazione della supervisione bancaria unica, ha aggiunto Pittella, “la Bce diventa inoltre un’istituzione più democratica. Per nominare i vertici della Bce incaricati della supervisione sarà infatti necessaria la piena approvazione del Parlamento europeo e non più la semplice consultazione come avviene invece oggi . Si infrange cosi’ per la prima volta il culto dell’indipendenza della Bce, l’ anomalia mondiale per cui la nostra banca centrale e’ considerata un’istituzione ademocratica. Si vigili ora sugli Stati Membri; il parlamento tedesco non perda tempo e approvi il prima possibile il Sistema Unico di Supervisione consentendone una rapida entrata in vigore”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Supervisione bancaria Ue: primo sì del Parlamento ultima modifica: 2013-05-23T08:00:05+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA