TransUnion, nel 1Q in calo il Delinquency rate sui mutui americani

Secondo il rapporto di TransUnion, uno dei principali istituti di credito americani, il Delinquency rate (il tasso di insolvenza) è diminuito in questo primo trimestre del 2011, a fronte di una notevole diminuzione del prezzo medio delle case.

Nel complesso, la percentuale dei mutuatari in ritardo di 60 giorni con il pagamento della rata sul mutuo si attesta al 6,19%. Il primo trimestre fa segnare anche un calo dei tassi di interesse per la quinta settimana consecutiva: una buona notizia che corrisponde a una vera e propria ventata di ottimismo sia per il mercato del real estate sia per l’economia del paese in generale.

Nell’analisi condotta da TransUnion viene sottolineato che il calo del prezzo delle case, durante questo primo trimestre del 2011, dovrebbe mantenere basso anche il Delinquency rate: un segnale sicuramente positivo.

“Il calo del prezzo delle case potrebbe anche essere un rischio – avverte però Tim Martin, vice presidente della financial services business unit di TransUnion –. Infatti i prezzi più bassi potrebbero provocare un aumento delle richieste di mutuo e, potenzialmente, una crescita anche dei rischi di insolvenza se i tassi d’interesse dovessero aumentare. Tuttavia, il fatto che oggi il Delinquency rate sui mutui sia in calo, significa che il rischio legato ai mutuatari è diminuito”.

TransUnion conclude che il costante calo del Delinquency rate durante il 2011 gioverà all’intera economia, e i consumatori potranno migliorare il proprio credit score.

TransUnion, nel 1Q in calo il Delinquency rate sui mutui americani ultima modifica: 2011-05-23T08:24:57+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA